Diciamoci la verità, c’era una grande curiosità intorno alla nuova Fiat Tipo, remake, ma solo nel nome di un modello di grande successo. La nuova formula value for money era una scommessa, che ha un po’ spiazzato gli addetti ai lavori dopo tante vetture di stampo premium come le varie 500, 500 L e 500 X, eppure il Gruppo FCA sembra averla vinta già dal weekend di presentazione, dove le concessionarie sono state invase da ben 20.000 persone ed hanno dato vita a ben 6 mila test drive.

Segno che l’auto ha suscitato, quanto meno, un grande interesse, attenzione che si è trasformata anche in una grande occasione di business, visto che sono state vendute 1.000 Tipo proprio nel tradizionale porte aperte.

Quindi, l’auto è piaciuta, ma ancora di più ha entusiasmato il prezzo, vantaggioso in rapporto alla dotazione, che, nelle varianti Opening Edition, parte da 12.500 euro e 16.500 euro, per le varianti benzina e diesel.

Sono solo due le motorizzazioni, 1.4 benzina da 95 CV e 1.6 a gasolio da 120 CV e solamente 2 gli allestimenti, quindi nessuna confusione possibile nella scelta e questo ha semplificato le cose ai papabili acquirenti che, per il 60% erano già clienti Fiat, mentre il restante 40% può definirsi tranquillamente di conquista.

Sono state soprattutto le famiglie, sia giovani che mature, ad interessarsi alla Tipo, mentre non c’è stata una motorizzazione preponderante, con equa divisione tra gli ordini della variante a benzina e di quella a gasolio. L’allestimento più ricco, Opening Edition Plus, è stato scelto dal 35% degli acquirenti.

Interessante poi, che il 30% degli ordini proviene da chi possedeva una vettura di segmento B, quindi il passaggio di ad un segmento superiore, quello delle compatte, senza aggravio di prezzo, ha convinto una buona parte degli automobilisti. Inoltre, il fatto che l’85% dei clienti avesse un’auto da rottamare, sottolinea come la Tipo abbia contribuito, in parte, ad incentivare, il rinnovamento del parco auto. Mentre, la gran parte delle vendite (il 60%) si è conclusa accendendo un finanziamento.

Se non avete fatto in tempo a prendere parte al primo porte aperte ci sarà tempo, prima delle vacanze di Natale, visto che ce ne saranno altri due, rispettivamente il 12 ed il 13 ed il 19 e 20 dicembre.