Il piacere di guida, all’interno di una vettura importante, dal design distintivo e originale, che offre spazio, comfort e versatilità ai massimi livelli. La Fiat Freemont è tutto questo, ma non solo: è anche una vettura che, dalla sua prima comparsa avvenuta nel 2011, ha saputo conquistare il mercato in pochissimo tempo.

Frutto di una serie di fattori, certamente: i propulsori di ultima generazione, il piacere di guida che si prova quando si è al volante, la sicurezza da prima della classe ma non solo, la Freemont è diventata subito uno status, un’auto che ti da la possibilità di farti riconoscere.

Chi guida una Freemont sa quello che vuole e sa come ottenerlo: comanda una vettura forte, potente, dalla grande compattezza ma, allo stesso tempo, dagli spazi interni notevoli. Il primo veicolo Fiat frutto della partnership con Chrysler è sinonimo di libertà, voglia di evadere e possibilità di affrontare qualsiasi situazione che si presenta nel vivere quotidiano.

Un modello pensato per tutti: per le famiglie che sono alla ricerca di un veicolo spazioso, comodo e versatile, ma anche per chi vuole evadere dalla quotidianità semplicemente guidando. E poi gli sportivi, che chiedono dimensioni notevoli per portare la propria attrezzatura, per i businessmen che macinando tanti chilometri richiedono comfort e sicurezza e così via. Un’auto per chi ha una vita dinamica o per chi ama il tempo libero.

Le dimensioni (489 cm di lunghezza, 188 cm di larghezza e 169 cm di altezza) garantiscono un’ottima abitabilità interna, mentre il suo design è fortemente caratterizzato: all’esterno il frontale dalle linee muscolose e decise e il posteriore con fanali a LED danno un’impressione di potenza e personalità, mentre nell’interno lo stile è molto moderno e i materiali soft touch.

Da sottolineare la plancia con elementi cromati, il quadro strumenti unico nel suo genere, una console molto “estetica”, un sistema di infotainment con ampio touch screen a colori da 4,3” molto cool. Quest’ultimo, con il semplice sfiorare dello schermo, permette di impostare la temperatura delle tre zone climatizzate e regolare l’impianto stereo.

Sette posti di serie, con terza fila di sedili facili da raggiungere e, ovviamente, da reclinare qualora si necessiti di maggiore spazio. Stessa sorte, in caso di estremo bisogno, anche per la seconda e per il sedile passeggero, tutti completamente abbattibili garantendo in questo modo 32 configurazioni.

Il sistema di sicurezza a bordo è da prima della classe: ABS completo di EBD, ESP (Electronic Stability Program), sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici (TPMS), Airbag anteriori a doppio stadio, poggiatesta attivi e airbag laterali e window-bag sono solo alcune delle funzionalità presenti.

Infine, le motorizzazioni: al lancio il Fiat Freemont aveva due motorizzazioni diesel, un 2.0 Multijet 2 16 v da 140 CV e un 2.0 Multijet 2 16v da 170 CV. Massimo equilibrio tra prestazioni, piacere di guida e consumi erano il fiore all’occhiello di questi due modelli, ai quali sono stati affiancati nel corso degli anni anche le versioni a trazione integrale con i propulsori 2.0 Multijet da 170 CV e 3.6 benzina V6 da 276 CV, entrambi con cambio automatico a 6 marce.