Finalmente è arrivata la parola fine: la Chrysler è ora tutta di Fiat, dal momento che è stato perfezionato l’accordo tra il fondo Veba del sindacato americano Uaw e la stessa azienda torinese che ha sancito il passaggio del 41,46% restante in mani italiane.

Per l’operazione sono stati spesi complessivamente 3,6 miliardi di dollari: 1,7 da Fiat e 1,9 da Chrysler, in entrambi i casi attraverso l’utilizzo della liquidità disponibile. L’accordo prevede che, a integrazione del contratto collettivo vigente di Chrysler, la Fiat investirà altri 700 milioni di dollari al fondo Veba in quattro quote pagabili su base annua. La prima è stata versata in concomitanza con il closing dell’operazione Fiat.

LEGGI ANCHE

Fiat compra Chrysler: colpo grosso Marchionne ma quali gli scenari?

Fiat Chrysler fusione: Mazda il prossimo obiettivo

Fiat compra Chrysler: il Lingotto acquista il 100% della casa USA