Ferrari potrebbe ampliare nel prossimo futuro la propria gamma con il lancio di un SUV a quattro posti, cioè un modello più vicino alle famiglie rispetto alla normale produzione di Maranello con l’obiettivo di far conquistare al marchio una nuova fetta di pubblico.

L’indiscrezione è stata riportata da Bloomberg e ha fatto subito il giro degli ambienti finanziari e automobilistici, contribuendo a far lievitare in queste ore il titolo in Borsa. Secondo le indiscrezioni, il SUV Ferrari potrebbe avere due o quattro porte ma non sarebbe uno sport utility nel senso più tradizionale del termine. A tal riguardo, infatti, a Maranello pare vi sia l’intenzione di creare una nuova nicchia di mercato spingendosi là dove la concorrenza non sarà ancora arrivata.

Il progetto in ambienti interni alla casa automobilistica è conosciuto come “Ferrari utility vehicle” e avrebbe l’obiettivo di conquistare i mercati asiatici, con particolare riguardo a quello cinese in cui la domanda di vetture di lusso è sempre forte. Le stime parlano di una produzione di circa 2.000 esemplari all’anno e questo renderebbe la vettura molto utile per concretizzare le ambizioni del gruppo guidato da Marchionne.

Nel prossimo piano industriale la Ferrari potrebbe infatti puntare a raddoppiare gli utili entro il 2022 superando, come diretta conseguenza, il limite di 10.000 pezzi prodotti all’anno voluto dalla dirigenza per preservare l’esclusività del marchio. L’obiettivo appare centrabile con il SUV a quattro posti il cui debutto è ipotizzato entro il 2021, ma è bene ricordare che nei prossimi anni si assisterà quasi certamente al debutto di nuovi modelli ibridi marcati dal Cavallino, che in questo modo potrebbe puntare a una fascia di clienti attenti alle prestazioni ma allo stesso tempo esigenti anche sotto l’aspetto ambientale.