La Ferrari non è al top, questo si sapeva ma dopo la vittoria di Alonso c’era qualche speranza che le cose fossero cambiate. Purtroppo siamo di nuovo alle prese con una Rossa che non esprime tutto il suo potenziale. Tutto è nelle mani di una strategia. E quella adottata di Bahrain ha avuto i suoi frutti. 

Nonostante la Ferrari non fosse proprio tra le favorite, è riuscita a portare a casa nell’ultimo gran premio il maggior numero di punti a disposizione. Tutto merito di Alonso e Massa che hanno costruito una strategia a tavolino già il sabato durante le qualificazioni.

Nel Gp del Bahrain, dunque, Alonso è riuscito ad acciuffare un settimo posto non soddisfacente ma almeno di consolazione e Massa, per la prima volta è andato a punti concludendo la gara in nona posizione. Il gran premio del Golfo Persico ha visto trionfare Vettel, Raikkonen e Grosjean.

Potremmo a ragione dire che la Lotus rappresenta la vettura più adatta a coprire questo tipo di tracciati. La Ferrari invece deve migliorare nell’aerodinamica e deve aumentare il grip in curva. Qualcosa deve anche essere messo a punto riguardo l’uso delle gomme.

Massa e Alonso hanno scelto due strategie diverse, entrambe, in fondo, premiate. Interessante, sul fronte dello spettacolo, il confronto tra Alonso e Rosberg.