Il Mondiale 2015 della Ferrari ha preso forma nel weekend di Abu Dhabi. Dopo l’ufficializzazione dell’addio di Alonso e dell’arrivo di Vettel, arriva un nuovo scossone nella scuderia di Maranello all’indomani dell’ultima gara iridata. Marco Mattiacci lascia la Gestione Sportiva che viene affidata a Maurizio Arrivabene: a ufficializzare la decisione il comunicato ufficiale della Ferrari che mette fine alle voci insistenti del weekend.

Arrivabene un manager della Philip Morris

Il nuovo direttore generale e Team Principal proviene da Philip Morris dove è entrato nel 1997 dopo una carriera ventennale in Italia e all’estero dedicata al marketing ed alle attività promozionali fino a diventare nel 2007 Vice President of Marlboro Global Communication & Promotions for Philip Morris International e nel 2011 Vice President Consumer Channel Strategy and Event Marketing: “Abbiamo deciso di nominare Arrivabene perché in questo momento storico della Scuderia e della F1 abbiamo bisogno di una persona che conosca a fondo non solo la Ferrari ma anche i meccanismi di governance e i bisogni di questo sport – ha commentato il Presidente della Ferrari Sergio Marchionne –. Maurizio ha un patrimonio di conoscenze unico perché da anni è stato veramente vicino alla Scuderia e, come membro della F1 Commission, ha ben chiaro le sfide che ci attendono. È stato una fonte costante di idee innovative volte al rinnovamento della Formula Uno. Estremamente importante è l’esperienza manageriale che ha maturato fino ad oggi in un mercato complesso e fortemente normato, un’esperienza che lo aiuterà a gestire e motivare la squadra. Sono felice di aver acquisito la sua leadership per le nostre attività sportive”.

Scelto da Marchionne, ha assunto Andrea Agnelli 

Una menzione anche per l’ex team principal: “Vogliamo anche ringraziare Marco Mattiacci per il suo contributo alla Ferrari negli ultimi 15 anni e gli auguriamo il meglio per le sue sfide future”. Arrivabene, bresciano residente a Losanna, durante i suoi anni in Philip Morris ha sempre seguito in prima persona la partnership con la Ferrari sia a Maranello sia sui circuiti nel mondo. Dal 2010 è inoltre membro della F1 Commission in rappresentanza di tutte le aziende sponsor della Formula 1. Membro della Sport Business Academy (SDA Bocconi School of Management e RCS Sport) nel Program Advisory Team. è stato anche un ex pilota nei raid transafricani. Proprio Arrivabene ha assunto Andrea Agnelli  all’interno di Philip Morris. Tra i due il rapporto è diventato stretto tanto che Agnelli ha chiamato Arrivabene nel cda della Juventus, dove è entrato nel 2012. Marchionne, invece, è nel cda della Philip Morris. Incroci di lavoro e una stima reciproca che hanno portato alla scelta. Dopo aver cambiato, presidente, pilota di punta e de volte team principal, la Ferrari riparte nel 2015 dall’anno zero.

LEGGI ANCHE

Alonso lascia la Ferrari “Prima gli interessi della squadra”

Vettel in Ferrari: il grande giorno di Seb alla rossa

Mercato piloti: clamoroso scambio Alonso-Vettel?

Mercato piloti: con Marchionne Alonso lascia la rossa

Vettel alla Ferrari: il campione del mondo apre a Maranello

Hannah Prater: le foto della fidanzata di Vettel

Vettel lascia la Red Bull: addio ufficiale e approdo in Ferrari

Alonso lascia la Ferrari: al suo posto arriverà Vettel