Nella consueta cena natalizia con la stampa italiana il presidente Luca di Montezemolo (foto by InfoPhoto) ha annunciato come sarà scelto il nome della prossima rossa (CLICCA QUI PER SCOPRIRLO) toccando poi diversi temi. Si inizia con una frecciatina alla stampa: “Facciamo una cosa che non è mai successa prima facciamo un titolo uguale per tutti: costretti a vincere. Siamo l’unica squadra che quando arriva seconda è la fine del mondo”.

Per migliorare bisogna partire dal bilancio 2013: “Quest’anno non siamo stati capaci a sviluppare la macchina, poi c’e’ stato il cambiamento di gomme nel corso dell’anno e poi sono mancati i punti di Massa nel mondiale costruttori. Non potevamo non accettare quello che è successo con per motivi di sicurezza, ma un cambiamento di competitività con le gomme c’e’ stato. E c’e’ stato un comportamento un po’ pilatesco sui test”.

La stagione porterà diverse novità regolamentari, prima fra tutte il motore turbo: “Quando ci sono nuove regole ed è un regolamento che abbiamo fortemente voluto, riporta i test e non mette al centro l’aerodinamica. L’anno prossimo ci possono essere dei rischi, la musica del motore che viene meno, ci saranno delle gare sempre più complicate. E poi il problema dei ‘tassisti’, ci sarà il problema del risparmio della benzina e l’affidabilità sarà molto importante. Ora abbiamo una galleria del vento all’avanguardia e un vero direttore tecnico, ora abbiamo Allison, mi piace come ragiona, parla l’italiano e ha una buona mente organizzativa”.

L’addio a Felipe Massa e il ritorno di Kimi Raikkonen (LEGGI QUI IL MOTIVO L RITORNO DI ICEMAN IN FERRARI) tengono banco durante la cena: “Felipe è stato un vero uomo Ferrari, ma credo che abbiamo preso la decisione giusta per noi e anche per lui, credo che avrà nuove motivazioni. Avevamo due alternative, o prendere un ragazzino che andasse forte o uno come Kimi, lo abbiamo visto forte, motivato e con una gran voglia di far bene. Gli ha fatto bene un po’ di sosta, servirà per togliere punti gli altri e da stimolo per Alonso. Insieme alla Mercedes credo che abbiamo la coppia di piloti migliore. 

Infine qualcuno gli chiede se Alonso e Raikkonen siano un po’ come Renzi e Letta: “Speriamo che non sia così altrimenti sarei preoccupato. No, non li vedo così se fossero insieme così sarei preoccupato. Sono due piloti maturi che sanno di dover correre per la Ferrari. Per chi vuole correre per sé ci sono tremila altri team forti! Alonso alla McLaren? Caz…te. Un pilota che vuole andar via non dice che vuole rinnovare il contratto. Vettel? Mi piace per il suo comportamento. Mai dire mai. Il problema di Alonso (CHE POTREBBE LASCIARE LA ROSSA A FINE 2014) non c’è, e’ il più forte di tutti, i discorsi sono a zero, gli dobbiamo dare una macchina competitiva, fa bene ad incavolarsi, non posso dire che la nostra macchina fa ridere ma nella seconda parte della stagione è andata sotto le attese”.  

LINK UTILI

F1 test 2014: il calendario e i circuiti della sessione invernale

Mercato piloti F1 2014: Alonso alla McLaren è solo una fiction…per ora

Il circus sentenzia, Vettel più forte di Alonso