L’avventura di PinkSpeedBlog e Leonardo.it al Gran Premio di Formula 1 di Monza si è tenuta come ospiti di Kaspersky Lab, partner della rossa delle rosse: la Ferrari. L’azienda russa, partner della Scuderia Ferrari dal maggio 2010, fornisce i suoi prodotti, antivirus di ultima generazione, per salvaguardare e proteggere i file e i dati prodotti in pista e non. La partnership tra la rossa e l’azienda non nasce subito nella massima categoria delle monoposto, bensì nei campionati di GT e nel campionato Ferrari Challenge, poiché Kaspersky Lab non aveva esperienze nel mondo dell’automobilismo. La partnership funziona, e nel GP di Barcellona nel maggio 2010 Kaspersky Lab scende in pista, esperienza che nel 2013 porterà le due realtà a stipulare un nuovo accordo commerciale della durata di 3 anni: Ferrari diventerà cliente di Kaspersky Lab, la quale svilupperà un prodotto ad hoc per la protezione degli endpoint.
Nel Gp di casa la Ferrari ha moltissimo tifo e lo si può notare dalla calca stile concerto che si crea intorno al box rosso (si è TUTTO rosso) e alla predominanza del colore tra i tifosi. Due giornate all’insegna della velocità e alla ricerca della soluzione perfetta, due caratteristiche che accomunano le due aziende. Ormai la tecnologia è importantissima nel mondo delle corse, in particolare nella massima categoria motoristica, e proteggere i preziosissimi dati è fondamentale.

Grazie agli interventi in hospitality dei piloti Ferrari Pedro De La Rosa e Marc Gene abbiamo potuto capire meglio come la Ferrari testa le auto, sia al simulatore sia durante le sessioni di prova, capendo davvero cosa nascondono quei giri di pista. Inoltre Kaspersky Lab sponsorizza anche i due piloti italiani: si guarda al futuro con il pilota della Ferrari Driver Accademy Antonio Fuoco, in testa al campionato F.Renault 2.0 ALPS 2013 con il team Prema Junior, e Daniel Mancinelli che lotta nel campionato Ferrari Challenge.
Un’azienda che viene dal freddo che crede nel motorsport e nella cultura di questa passione nel nostro bel paese.