Sarà svelata al pubblico nel salone teutonico, quello di Francoforte, dove mostrerà muscoli e bellezza di puro stampo italico. Stiamo parlando della Ferrari 488 Spider, la versione a cielo aperto della 488 GTB che abbiamo avuto di vedere al salone di Ginevra.

Per cui è chiaro che dietro i sedili posteriori troviamo il V8 3.9 sovralimentato da 670 CV e 760 Nm disponibili già a 3.000 giri; un motore potentissimo, al vertice della categoria, che le consente di scattare da 0 a 100 km/h in appena 3 secondi e di toccare i 200 km/h con partenza da fermo in 8,7 secondi, prima di raggiungere, in pista, una velocità massima superiore ai 325 km/h.

Ovviamente, la novità, rispetto alla versione chiusa, consiste nell’hard top ripiegabile, denominato RHT, che sta per Retractable Hard Top, che risulta più pratico dal punto di vista isolante, rispetto alla capote in tela, ma funge anche da elemento strutturale, visto che la rigidità torsionale e flessionale è analoga a quella della 488 GTB.

Un risultato di rilievo, considerando che in 14 secondi la copertura scompare e consente di vivere le emozioni Ferrari a cielo aperto. Ma non temete, anche da chiuso, l’hard top, con il lunotto regolabile su tre posizioni, consente di ascoltare le note del V8 sovralimentato senza filtri.

Siccome si tratta di un’auto destinata alla guida pura, in piena armonia con la natura, c’è stato uno studio accurato in merito ai flussi dell’aria verso l’abitacolo, ma una cura maniacale è stata riservata anche all’aerodinamica.

Infatti, oltre allo spoiler soffiato, troviamo il fondo aerodinamico con tanto di generatori di vortici. Sviluppata al simulatore, la 488 Spider vanta un’elettronica all’avanguardia, che consente di sfruttare al meglio il suo incredibile potenziale.

Chiaramente, i puristi avranno la possibilità di escludere i paracadute elettronici, per una guida senza filtri, perché in fondo, la vettura in questione è una Ferrari e come tale può riservare al guidatore un’esperienza al volante vicina a quella di una vettura da competizione.