Quando un tuner decide di mettere le mani su una Ferrari è difficile trovare un appassionato che apprezzi la decisione, ma se alcune elaborazioni non vanno ad inficiare il fascino dei bolidi di Maranello, altre li deturpano completamente, come avviene con la Ferrari 458 Spider Golden Shark firmata Office-K.

Infatti, è difficile comprendere cosa abbia spinto il tuner in questione a modificare la livrea con una tinta oro dai riflessi verdi, mentre è impossibile accettare la colorazione della parte bassa del frontale che simula la bocca di uno squalo.

Detto questo, si notano nuovi cerchi in lega e particolari in carbonio come gli elementi aerodinamici anteriori ed il grande spoiler fisso al posteriore, mentre l’interno non sembra essere stato toccato, anche se, a ben vedere un orsacchiotto fa capolino tra i sedili.

Non sono state segnalate modifiche alla meccanica, e questo è un bene, visto che il V8 Ferrari rappresenta lo stato dell’arte tra i motori aspirati, ma considerando l’estetica le sorprese potrebbero celarsi anche sotto il cofano posteriore.