Di solito, quando una Ferrari va all’asta la cifra di vendita è molto alta, perché si tratta, nella maggior parte dei casi di vetture costruite in piccola serie, con dei grandi trascorsi sportivi e divenute leggendarie. Così, quando si è saputo che una delle vetture del Cavallino Rampante guidate dall’indimenticabile Juan Manuel Fangio sarà venduta a dicembre, la notizia ha avuto un eco planetario.

Infatti, l’essere stata condotta in gara da uno dei piloti più vincenti di sempre, il secondo nella fattispecie, con 5 titoli mondiali in Formula 1, battuto per il momento solamente da Michael Schumacher, rende questa Ferrari decisamente appetibile.

L’auto in questione è una Ferrari 290 MM, numero di telaio 0626 che il pilota argentino guidò nella lontana Mille Miglia del 1956, dove arrivò al quarto posto della classifica generale. La stessa vettura, rimase in attività fino al 1964, quando entrò a far parte della collezione di Pierre Bardinon.

Il giorno fissato per l’asta che la vedrà protagonista è il 10 dicembre, e l’evento avverrà presso Sotheby’s, a Londra. Per averla sarà necessario sborsare una cifra superiore ai 28 milioni di dollari, 24,7 milioni di euro al cambio, ma l’investimento sarà redditizio per chiunque riuscirà ad aggiudicarsela.

Dunque, se siete dei collezionisti incalliti non perdete questa memorabile occasione, mentre per tutti i sognatori, questo evento rappresenterà un momento storico importante; e seguirlo, per capire a quale cifra da capogiro riuscirà ad arrivare questo bolide di prestigio con un passato agonistico di prim’ordine, sarà comunque avvincente.

Staremo a vedere chi sarà l’audace collezionista o il nababbo di turno che, alla fine, riuscirà a mettere in garage questa meraviglia a quattro ruote, espressione dell’ingegno degli uomini Ferrari in uno dei periodi più avvincenti dell’automobilismo sportivo, quando le corse su strada erano ancora una realtà, e l’avventura, il rischio e l’audacia dei piloti, rendevano le gare incredibilmente appassionanti.