Se compri un’auto nuova devi mettere in conto una spesa abbastanza importante. Se vuoi evitare costi pazzeschi l’unico rifugio sono l’usato o le macchine a chilometro zero. Cerchiamo di capire di cosa si tratta. La diffusione delle auto a chilometro zero è stata “pazzesca” all’inizio del nuovo millenio. In particolare nel 2000 si è fatta una stima, riportata da diverse riviste, del mercato delle auto a chilometro zero che rappresentava una buona porzione delle vendite di auto.

Una vettura a chilometro zero è fondamentalmente nuova ma viene venduta al prezzo di un buon usato, quindi per l’acquirente il risparmio reale si aggira intorno al 25 per cento del prezzo pagato per il nuovo. Il funzionamento è abbastanza semplice.

Il concessionario compra delle auto e le immatricola a se stesso, poi le rivende come fossero usati. In fondo però si tratta di auto nuove che per l’appunto non hanno percorso alcun chilometro. Da qui la dicitura “a chilometro zero”.

Il fenomento delle auto a chilometri zero è stato dettato dall’esigenza dei concessionari di raggiungere gli obiettivi di vendita di fine anno. Chiaramente non è una soluzione che piaceva molto alle aziende produttrici. A distanza di dieci anni il fenomeno è abbastanza consolidato e in tempi di crisi economica come quello attuale diventa anche provvidenziale.