La Maserati è rinata, grazie al contributo della Ferrari, che ha realizzato parte di motori che oggi trovano posto sotto il cofano di alcune delle vetture del Tridente, ridando lustro e credibilità ad un Marchio che ha vissuto anni d’oblio e difficoltà.

Adesso, grazie a modelli come la Ghibli e la Quattroporte, il Brand è rinato, al punto che le vendite nel 2014 hanno fatto segnare un incremento del 136%, per un totale di 36.500 unità. Non male, soprattutto se si pensa agli anni passati.

Comunque, nonostante un inizio 2015 meno convincente, l’amministratore delegato del Gruppo FCA, ovvero Sergio Marchionne, punta forte sul Tridente, come ha rivelato in un’intervista a Bloomberg nella quale ha affermato: “Maserati è molto importante e diventa ora il nostro Marchio più ambito e lussuoso”.

Questo per sottolineare il nuovo ruolo del Brand modenese dopo l’uscita della Ferrari dall’orbita FCA. Chiaramente, c’è molta attesa per i nuovi modelli, soprattutto sul SUV Levante, che contribuirà in maniera molto positiva sulle vendite.

Ma c’è molto interesse anche in merito alla nuova coupè dal fascino inarrivabile, l’Alfieri, della quale, si dice che avrà un aspetto molto vicino a quello del prototipo, che è irresistibile. Dunque, una nuova vita per la Maserati, diventata la punta di diamante della galassia FCA.

Comunque, per il momento la vettura su cui Marchionne punta di più è la Ghibli, la berlina sportiva dalle dimensioni più contenute rispetto alla Quattroporte, ma con un carattere ancora più sportivo che, soprattutto in America, dovrà essere sempre di più un’alternativa alle solite note, ovvero le tedesche premium come la BMW Serie 5 e la Mercedes Classe E.

Insomma, una nuova vita per Maserati, un Marchio che ha compiuto 100 anni, con tutta la sua storia, le sue innovazioni e le vittorie in ambito sportivo, uno Brand che rappresenta l’orgoglio italiano ed. è sempre più proiettato verso il successo.

La speranza è che quanto sta accadendo con il Tridente sia d’esempio anche per il futuro di un altro Marchio storico, ovvero l’Alfa Romeo, di recente rilanciato con l’arrivo della nuova Giulia.