Buone nuove dal Gruppo FCA, i numeri iniziano a girare nel verso giusto, e ciò fa addirittura rivedere gli obiettivi per il 2015. Il dato a cui ci riferiamo è quello del secondo trimestre 2015, che è stato chiuso con un utile netto di 333 milioni di euro.

Si tratta di un incremento che in percentuale è indicato da un +69% rispetto a quello dello stesso periodo del 2014. E’ il segnale che i piani industriali, le sinergie tra i vari marchi e i nuovi prodotti stanno producendo ricavi che superano le aspettative iniziali.

Infatti, nello specifico, i ricavi previsti per fine anno sono di oltre 110 miliardi di euro e le consegne stimate riguardano circa 4,8 milioni di veicoli. Non male, se si pensa al mercato dell’auto di qualche anno fa e al momento attuale che non ha ancora accantonato gli effetti della crisi.

Tornando al quadro fotografato dalla situazione del secondo semestre 2015, si segnalano ricavi in crescita di ben 5,9 miliardi di euro, in aumento del 25% rispetto al 2014. Infatti, allora erano di 23,3 miliari di euro, mentre oggi si attestano sui 29,2 miliardi di euro.

Per quanto riguarda il numero di veicoli consegnati invece, questi non si discostano molto dalla cifra relativa allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel frattempo il titolo in Borsa fa segnare una percentuale al rialzo del 4,77% per la felicità degli azionisti.

L’aspetto più interessante della vicenda comunque, è che gli obiettivi rivisti non sono stati influenzati dalle operazioni che hanno e vedono protagonista la Ferrari. Insomma, quello capitanato da Sergio Marchionne è un Gruppo sano e con tanta voglia di crescere e ci sono i presupposti per innalzare le cifre appena citate sia nel 2015 che nel 2016.

Infatti, il ritorno in grande stile dell’Alfa Romeo rappresenta il viatico migliore ad ulteriori successi commerciali, senza contare che il potenziale di Jeep è in costante crescita come si è visto in Europa grazie alla Renegade.