Faraday Future ottiene il permesso in California per testare su strada i suoi prototipi elettrici a guida autonoma. Il costruttore finanziato dal miliardario cinese Jia Yueting (lo stesso che finanzia il colosso hi-tech LeEco, ndr), ha ottenuto il lasciapassare del Department of Motor Vehicles americano. Il permesso sarebbe stato concesso alla Faraday il 17 giugno ma la notizia è uscita solo nelle scorse ore grazie alla Reuters.

Nata con lo scopo di costruire auto intelligenti e che possano muoversi da sole, Faraday Future potrà così avviare dei test su strada per terminare lo sviluppo e la validazione della tecnologia a guida autonoma. Probabile che la vettura scelta per le prove sia la berlina elettrica LeSee, un prototipo visto al Salone di Pechino 2016 che può essere guidata oppure lasciata in completa autonomia mentre ci si intrattiene a bordo con gli altri passeggeri e può viaggiare da sola fino ad una velocità di 130 miglia orarie. Non è escluso un utilizzo anche della supercar FFZERO1, che presenta un propulsore elettrico da 1.000 cavalli.

Faraday Future sarebbe in trattativa anche con lo stato del Michigan ma si parla solo di pochi veicoli liberi di circolare. Nell’azienda lavora personale proveniente proveniente da Ferrari (ultimo acquisto l’ex team principal Marco Mattiacci, ndr), Lamborghini, Audi e Tesla ma anche cervelli che arrivano dal mondo hi-tech di SpaceX ed Apple. Lo scopo è sviluppare veicoli elettrici intelligenti per iniziare la produzione tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 in una fabbrica a nord di Las Vegas ma è possibile un’ulteriore espansione in California.

Tra le aziende automotive che hanno già ricevuto i permessi per i test con auto a guida auotonoma ci sono Alphabet (con la Google Car), Tesla, Gruppo Volkswagen, Nissan, Ford, Bosch, Mercedes-Benz e Delphi, insieme a start-up come Zoox.