Come era lecito attendersi, visto che fino ad ora i due contendenti al titolo Mondiale di F1, nel loro stradominio stagionale sulle Mercedes, non hanno ancora affondato il colpo rimanendo sostanzialmente appaiati in una classifica che da qui alla conclusione del Campionato iridato dovrà in qualche modo fornire dei verdetti, è tutta ad appannaggio delle Frecce d’Argento la prima sessione di prove libere a Suzuka, con le vetture della Casa della Stella che stanno segnando il passo distanziando ogni possibile parvenza di concorrenza. Per ora è Nico Rosberg il più veloce con 1.35.461 e Lewis Hamilton che lo segue a 0.151 millesimi di distacco.

Fernando Alonso, solito cuore Ferrari, anche dopo le insistenti voci sulla sua imminente dipartita dalla Casa di Maranello, dimostra di essere professionista fino in fondo con un attaccamento alla Rossa davvero commovente. Le pressioni della stampa su di lui e sul team sono forti ma lui c’è, è concentratissimo su quel tracciato così tecnico che in passato non gli ha lesinato soddisfazioni, pensa già alle qualifiche di domani in vista della gara. Ammirabile il tentativo di non far sembrare un’eternità il disavanzo esistente tra Mercedes e Ferrari facendo registrare il terzo tempo in queste libere con un gap di 0.727 da Rosberg.

A Suzuka intanto fanno il loro debutto assoluto in F1 due nuovi piloti. Si tratta del “baby” Verstappen, Max, figlio dell’ex Jos, 16 anni e subito grande padronanza del mezzo, la Toro Rosso, che il prossimo anno guiderà nel Campionato di F1 2015: 12° tempo per lui a 2″ e 6 da Rosberg e a 4 decimi dalla gemella guidata da Kvyat. L’altro è lo spagnolo Roberto Merhi su Caterham, 23enne proveniente dalla Formula Renault 3.5 Series, 20° tempo per lui a 1″ e 4 dal compagno Ericsson, davanti dunque alle due Marussia (Foto: Tumblr).

LEGGI ANCHE

Alonso lascia la Ferrari: al suo posto arriverà Vettel

Salone di Parigi 2014: l’ultima conferenza di Montezemolo in Ferrari

Mercato piloti F1 2015: Alonso alla Lotus insieme a Briatore