Il weekend di Fernando Alonso era iniziato nel peggiore dei modi. Con la denuncia di un fotografo per aggressione ed era proseguito con una qualifica abbastanza deludente. Ma l’asturiano lo aveva detto: “La nostra forza è la gara”. E così è stato. Alonso ha vinto il Gran Premio di Spagna, quinta prova del Mondiale di Formula 1 centrando il secondo successo della stagione dopo quello ottenuto in Cina.

Lo aveva previsto l’asso di Oviedo: le Mercedes in gara non daranno fastidio. E la profezia si è avverata. Il tracollo di Hamilton e Rosberg conferma enormi problemi nella gestione delle gomme in gara. Ferrari, Lotus e Red Bull ringraziano, in particolare Alonso, in festa davanti al pubblico di casa 6 anni dopo il suo primo successo a Barcellona: partenza perfetta. due posizioni recuperate e strategia vincente con 4 soste. Il weekend d’oro della Ferrari poteva chiudersi con una doppietta grazie a un eccellente Felipe Massa, che risale tre posizioni in partenza e si arrende solo a un fantastico Kimi Raikkonen che riesce a spremere le gomme morbide e resiste agli attacchi del brasiliano, comunque terzo.

Un doppio podio prezioso se ci considera il quarto posto Sebastian Vettel che precede Mark Webber con l’altra Red Bull. Il campione del mondo chiude ai piedi del podio una gara anonima in cui paga la gestione delle gomme mentre il compagno salva una partenza disastrosa con una rimonta silenziosa che gli vale un discreto quinto posto. Rosberg prova a salvare il pomeriggio disastroso della Mercedes accontentandosi del sesto posto.

Per Alonso è festa grande: seconda vittoria nelle ultime tre gare, e la testa del Mondiale occupata Vettel è lontana soli 14 punti. Il tedesco deve guardarsi ora anche da Raikkonen, dietro di soli quattro punti. Il campionato si fa sempre più avvincente.

LINK UTILI

Alonso avverte: “Non siamo ancora la macchina più veloce”

Qualifiche: prima fila tutta Mercedes

Alonso diceva: “La gara è la nostra forza”

Alonso denunciato per aggressione, spunta una foto