Che il test gate sia servito o meno, la Mercedes – almeno in qualifica – continua ad avere una marcia in più. Dopo la farsa di Parigi, come qualcuno l’ha ribattezzata, a Silverstone la pole position la firma il padrone di casa Lewis Hamilton che domina le Q3 con un giro fenomenale rifilando distacchi abissali alla concorrenza: secondo è infatti a 4 decimi il compagno Nico Rosberg, che aveva chiuso la Q2 in testa.

La Red Bull rimedia sei decimi con Sebastian Vettel terzo, e un buon Mark Webber quarto, vicinissimo al tre volte Campione del Mondo dopo l’annuncio del ritiro dalla F1 che forse lo ha liberato di un peso. Con una pista asciutta e quasi calda, si mette in evidenzia la Force India, con Di Resta quinto e Sutil settimo, in mezzo un ottimo Ricciardo con la Toro Rosso, competitivissa sul circuito inglese. Ottavo e nono tempo per la Lotus che precede una Ferrari in crisi nera che paga il solito dazio in qualifica.

Fernando Alonso è decimo (a 1”3 da Hamilton) a fianco di Raikkonen mentre Felipe Massa è solo 12esimo faticando a passare al Q2 e con quasi otto decimi in più rispetto al compagno di squadra rispetto alla McLaren di Jenson Button. Per Maranello l’ennesimo sabato da dimenticare ma stavolta rimontare in gara sembra quasi un’utopia.

Paolo Sperati su @Twitter @Facebook

LINK UTILI

L’avviso di Ecclestone: il GP di Monza è a rischio

Anche la SBK pensava di tagliare Monza

Ecclestone e i folli aumenti di Silverstone

GP Inghilterra: orari e diretta tv

Pirelli resta in Formula 1

Mercedes gate: una dolce carezza della Fia

Nuovo regolamento: test concessi, ha vinto la Ferrari

F1 Canada 2013: muore commissario in pista

Alonso: “La famiglia prima di ogni cosa”