Siti poco attendibili parlano di un aereo, quello della Malaysia Airlines, disperso da settimane e di cui non si hanno più notizie. In realtà il premier malese ha comunicato diverse ore fa che il velivolo è precipitato nell’Oceano Indiano (QUI I DETTAGLI). Gli stessi siti parlano di un “contrattempo” (che ha rischiato di trasformarsi in un piccolo incidente diplomatico) che ha coinvolto la scuderia Ferrari diretta a Sepang. La squadra di Maranello, in vista del GP malese di Sepang, ha prenotato tempo fa diverse camere nel Cyberview Lodge Resort ma le stesse erano occupate da alcuni parenti cinesi dei passeggeri dell’aereo MH370 (foto by InfoPhoto) che alloggiano nei dintorni dell’aeroporto di Kuala Lumpur per seguire da vicino le ricerche dei propri cari.

Il buonsenso suggerirebbe un compromesso: le famiglie rimangono e i componenti della F1 cercano un altro alloggio. Ma i posti sono pochi in questo weekend (il dipartimento per l’informazione riferisce che ci sono – oltre al GP – un congresso sull’energia e un torneo di golf) e i parenti dei passeggeri, una dozzina di famiglia circa, sono costretti a spostarsi altrove. L’episodio, riportato dalla Nbc, sarebbe accaduto venerdì scorso.  Certo da quando Malaysia Airlines ha scelto gli alloggi per le famiglie, non poteva immaginare che le ricerche del velivolo durassero così tanto. E c’è da dire che le camere vengono prenotate e spesso pagate in anticipo anche mesi prima, soprattutto dalle squadre di F1.

Ma in Malesia, e in Cina, ‘lo sfratto’ fa rumore. NBC News punta il dito contro Maranello titolando: “Le famiglie costrette dalla Ferrari ad abbandonare l’hotel”. NBC precisa che il team di Maranello, chiamato a un commento sull’episodio, non ha risposto. Anche F1web riporta la vicenda. Il solito cinico Bernie Ecclestone non ci pensa nemmeno a spegnere l’incendio:Ci spiace per queste persone, ma le camere erano prenotate da tempo. La questione riguarda l’albergo”. Aggiungendo una frase: “Se hai una prenotazione in un albergo, cosa faresti?”. Il trionfo della diplomazia.

LEGGI ANCHE

Senna: 54 anni fa nasceva uno degli sportivi più amati di sempre

F1 Australia 2014: Ferrari non pervenuta

Daniil Kvyat: il rookie russo-romano soffia il record a Vettel

Australia: squalifica per Ricciardo, la Red Bull non ci sta