Prima di mettere tutto nero su bianco si attende l’ufficialità del Consiglio mondiale della Fia. Ma, salvo ripensamenti, il 28 giugno – durante il World Motor Sport Council – verranno reintrodotti i test durante la stagione. L’accordo è stato trovato sabato nel paddock di Montreal dopo un lungo meeting dello Sporting Working Committee che si è pronunciato a maggioranza dei team.

Il piano prevede quattro sessioni da due giorni, il martedì e il mercoledì dopo alcuni Gran Premi europei e probabilmente saranno scelte le piste più significative come quelle di Barcellona e Silverstone a cui potrebbero aggiungersi Budapest e Spa (o in alternativa il Nurburgring) Germania. Prima bisognerà attendere il calendario definitivo.

Oltre a questi ci saranno tre test pre-stagionali da quattro giorni l’uno nel 2014: il primo a metà gennaio a Jerez a cui seguiranno due sessioni di fila probabilmente in Medio Oriente, ma i dubbi saranno sciolti solo dopo la scelta della gara inaugurale che dovrebbe essere in Bahrain (una scelta più comoda e risparmiosa in ottica test). In totale saranno otto i giorni in più di prove a disposizione delle squadre per la gioia della Ferrari (foto by InfoPhoto), da sempre favorevole al lavoro in pista rispetto alla simulazione.

Ma anche le piccole squadre non sono così contrarie visto che diminuiranno le ore di lavoro in galleria del vento e le stesse simulazioni. Tra le novità l’introduzione della patente a punti per i piloti, simile a quella che vedremo in MotoGP.

Paolo Sperati su @Twitter @Facebook

LINK UTILI

F1 Canada 2013: muore commissario in pista

Gara: successo di Vettel davanti ad Alonso

Pole a Vettel e Ferrari rimandate

Caos gomme: Ferrari assolta, Mercedes a processo

Montecarlo: successo di Rosberg tra le polemiche

Altro brutto incidente per Massa