Le prevendite dei biglietti per il Gran Premio di Monza 1 sono in calo del 12% rispetto all’edizione del 2013. Lo ha detto il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli, durante la presentazione dell’85ma edizione del GP d’Italia di Formula 1“Quella dello scorso anno – ha detto l’ex pilota - è stata un’edizione straordinaria con una capienza dell’autodromo riempita fino all’85%, grazie alla Ferrari che battagliava per il titolo. Quest’anno ad aprile le prevendite erano cresciute del 30%, ma con l’arrivo delle gare in Europa sono calate fino ad arrivare a un – 30%. Ora stiamo recuperando”.

Sulle prevendite rispetto al 2013 incide, probabilmente, il fattore Ferrari: lo scorso anno a Monza (foto by InfoPhoto) Fernando Alonso era in lotta per il Mondiale con Sebastian Vettel mentre in questa stagione la rossa non è mai stata competitiva per la vittoria. Un concetto ribadito da Capelli che, invece, non se la sente di considerare il calo delle vendite legato al costo troppo salato dei tagliandi, in debole ma costante ascesa. Alla domanda di un collega sul tema, la risposta è chiara: “Per quanto riguarda il prezzo dei biglietti, Monza è allineata all’Europa e ai suoi GP”. Sarà ma 85 euro a testa per un prato e 165 per una tribuna (qui i prezzi del GP d’Italia) appaiono troppi in relazione allo spettacolo offerto dai Gran Premi. Il pensiero degli appassionati aiuterebbe a capirne di più.

LEGGI ANCHE

F1 Monza 2014 biglietti: aumentano i prezzi, prato a quasi 100 euro

F1 Monza 2014: Capelli lancia la sfida “Non moriremo mai” 

F1 Monza 2014: tutte le attività per il GP d’Italia

Formula 1 lascia Monza: la minaccia di Ecclestone è un bluff? 

F1 Monza 2014: il sindaco sfida Ecclestone “Non esiste un Mondiale senza”