Il guasto che ha frustrato le speranze di successo di Fernando Alonso nel GP del Bahrain ha riguardato un componente che non aveva mai dato problemi in tre anni. ”E’ la conclusione cui è giunta l’indagine eseguita dai tecnici della Ferrari sul dispositivo DRS (drag reduction system). Sul proprio sito ufficiale la scuderia di Maranello ha pubblicato un report delle complicazioni occorse a Sakhir, tra cui la gomma bucata due volte da Felipe Massa (foto by InfoPhoto). Il titolo è eloquente: i problemi in Bahrain che non tolgono serenità. Un chiaro tentativo di rassenerare tutti e infondere fiducia alla squadra dicendo “Ragazzi non è successo niente”. 

L’analisi ha permesso di accertare che il problema è stato causato dalla rottura di un componente meccanico all’interno del sistema. ”Si tratta del primo problema riscontrato su questo dispositivo nell’arco dei tre anni in cui è stato utilizzato – spiegano dal Cavallino Ramapnte – . Per quanto il guasto non sia di certo motivo di preoccupazione a lungo termine l’attenzione sul fronte dell’affidabilità deve rimanere sempre al massimo”.

Dopo quattro gare il gap che separa Alonso da Vettel in classifica è di 30 punti. La F138 sembra assai più competitiva rispetto alla monoposto dello scorso anno, ma se si fa il confronto con i punti la situazione preoccupa maggiormente: “E’ un peccato ma in questo momento è meglio tenere la testa alta e non piangere troppo - ha detto Domenicali ad Autosport - Il Mondiale è ancora lungo. Abbiamo meno punti di quanti ne dovremmo avere e avremmo potuto essere sempre sul podio e aggiungere un’altra vittoria”.