Nella seconda giornata di test in Bahrain si conferma la Force India la monoposto più veloce (CLICCA QUI PER IL REPORT DELLA PRIMA GIORNATA). Sergio Perez ha girato con gomme Super Soft percorrendo 108 giri. La VJM07 è però l’unica Mercedes ai primi tre posti. In seconda piazza troviamo Fernando Alonso che ha portato la F14 T ad appena 64 millesimi dalla vetta nonostante le gomme Soft: lo spagnolo ha percorso 102 giri preoccupandosi. Più che del limite, del comportamento della vettura dotata di ala anteriore nuova e diffusore posteriore diverso nella parte centrale.

La sorpresa di giornata è la Red Bull che pare essere uscita dalle profonde difficoltà di inizio stagione: Daniel Ricciardo ha portato la RB10 a un decimo dalla vetta e ha potuto usare i sistemi ibridi per firmare il crono dei suoi giri a testimonianza dei miglioramenti fatti dal V6 Turbo Energy della casa campione del mondo. Quarta piazza per la Williams FW36 di Felipe Massa che ha preceduto Jenson Button, quinto con la McLaren MP4-29 e protagonista di una delle cinque bandiere rosse di giornata. Sesta la Marussia con un buon Jules Bianchi anche se paga oltre due secondi e mezzo dalla vetta. Dietro di lui Lewis Hamilton, rallentato da un problema al cambio della W05.

I tempi del day-2 a Sakhir: 
1. Sergio Perez, Force India, 1m 35.570s, 108 laps
2. Fernando Alonso, Ferrari, 1m 35.634s, 122 laps
3. Daniel Ricciardo, Red Bull, 1m 35.743s, 66 laps
4. Felipe Massa, Williams, 1m 36.507s, 103 laps
5. Jenson Button, McLaren, 1m 36.901s, 52 laps
6. Jules Bianchi, Marussia, 1m 38.092s, 75 laps
7. Lewis Hamilton, Mercedes, 1m39.041s, 89 laps
8. Jean-Eric Vergne, Toro Rosso, 1m 39.636s, 61 laps
9. Esteban Gutierrez, Sauber, 1m 39.976s, 106 laps
10. Pastor Maldonado, Lotus, 1m 41.613s, 31 laps
11. Marcus Ericsson, Caterham, 1m 42.516s, 55 laps

LEGGI ANCHE

F1 2014 in tv: tutti gli orari di partenza dei 19 Gran Premi

F1 stagione 2014: Ecclestone premia gli spioni “Vedremo chi avrà voglia di barare”

F1 2014 RAI: la tv di Stato prenota il gran finale, ecco i GP in diretta

Schumacher e l’indegno sciacallaggio della rete