L’età media delle auto in Italia è passata da 8,27 a 8,77 anni in soli 12 mesi (da settembre 2013 a settembre 2014). La crisi morde e nel nostro Paese si guidano vetture sempre più vecchie e di minor valore. E’ questa la sintesi dell‘Osservatorio RC Auto condotto dal comparatore di assicurazioni Facile.it in collaborazione con Assicurazione.it e relativo al parco auto circolante a livello italiano: “Oggi mantenere un’auto costa – afferma Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di Facile.it – ed è bene porre attenzione a tutte le voci di spesa che possono essere ridotte. Non si può scontare il bollo, ma per l’RC auto si possono trovare prezzi molto diversi”.

La correlazione fra redditi ed età media del parco circolante si fa ancora più evidente quando si analizzano i dati in ottica regionale; è al Sud, dove gli stipendi sono inferiori, che si guidano le auto più vecchie ma il record spetta alla Sardegna che tocca i 9,75 anni. Decisamente anziane anche le quattro ruote della Basilicata (9,63 anni) e quelle della Sicilia (9,51 anni). Hanno comunque superato i 9 anni i veicoli circolanti in Calabria (9,26 anni), Friuli Venezia Giulia (9,22) e Puglia (9,1). Guidano auto più giovani, ma sempre con 8 anni di vita o più, gli automobilisti della Toscana (8,0 anni), della Valle d’Aosta (8,08) e della Lombardia (8,26).

Numeri decisamente diversi rispetto al 2007 quando l’ACI fissava in 7,5 anni l’età media dei veicoli italiani. Anche guardando al valore medio dei veicoli circolanti la flessione è notevole: se a settembre 2013 circolavano sulle nostre strade auto di valore pari, mediamente, a 9.026,27 euro, a settembre 2014 gli italiani sono al volante di veicoli che valgono decisamente meno: 7.487,39 euro, equivalenti ad una riduzione di 1.538,88 euro.

A guidare la clasifica è sempre la Sardegna a guidare la classifica con appena 6.428,40 euro seguita dalla Sicilia con 6.541,79 euro. Terza è la Calabria (6.761,94 euro) che precede la Campania, quarta con una media di 6.935,64 euro. Le automobili dal valore medio più elevato sono quelle immatricolate in Valle d’Aosta (8.715,74 euro), a seguire quelle inserite nei registri di Trentino Alto Adige (8.399,76 euro), Veneto (8.222,01 euro) e Lombardia (8.206,24 euro).

LEGGI ANCHE

Polizze auto: in Italia le più care d’Europa, ecco perché

Mercato auto in Italia: a maggio vendite a -3,83%