La McLaren torna in gara e dopo la grande performance di Hamilton in Germania, conquista anche il GP d’Ungheria con un eccellente Button. Sul gradino più basso del podio finisce Alonso che nelle sessioni di prove libere aveva girato più veloce di tutti. Vettel, primo in pole, termina la gara al secondo posto.

Ma quali sono stati gli episodi clou di questo gran premio europeo? Sicuramente la maestria di Button che quando il circuito non è asciutto riesce ad essere davvero imbattibile. Sicuramente anche il secondo posto di Vettel che si avvia, quasi matematicamente, alla conquista del titolo iridato.

A livello numerico sono state caratteristiche anche le soste ai box dei piloti, costretti a cambiare pneumatici per non arrendersi al meteo. In tutto ci sono state circa novanta soste.

La pioggia, come abbiamo già detto, è stata determinante, forte in partenza, debole sul circuito, riappariva a sprazzi.

Dobbiamo sicuramente menzionare anche l’incendio della Renault di Heidfeld che riesce a schizzar via dalla vettura velocemente, mentre arrivano gli addetti con gli estintori. L’incendio ha costretto gli altri piloti ad anticipare un po’ la sosta ai box, che ancora una volta, è cruciale per Vettel, intralciato dalla vettura di servizio che sta trainando via la monoposto di Heidfeld.

Grandi protagonisti anche i testacoda che coinvolgono diversi piloti durante tutta la gara.