Quando si va in macchina o in moto o quando si sta per acquistare un nuovo mezzo di trasporto, la preoccupazione principale di molti acquirenti è la prestazione su strada della vettura, piuttosto che il rispetto dell’ambiente. Eppure nel mercato dei motori sono tanti gli ecologisti.

Per esempio a luglio abbiamo parlato dell’ottima iniziativa della Opel che ha lanciato sul mercato una macchina rivoluzionaria nel suo genere, l’Ampera, che già nel nome ricorda l’alimentazione elettrica. È questo il suo tratto distintivo: la capacità di coprire lunghe distanze con la sola trazione elettrica.

In realtà all’ambiente non sono attenti soltanto i costruttori ma anche il nostro governo che sta sponsorizzando dei progetti per la costruzione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici nella maggior parte delle città italiane.

Abbiamo poi speso qualche parola per il carburante diesel, che come la benzina è oggetto di rincari, ma che non è poi così ecologico come si crede visto che è legato alla coltura della soia che piano piano sta togliendo chilometri di verde alle colture alimentari.

Se però fosse davvero tutta fatica sprecata, allora non avrebbe senso parlare degli altri modelli d’auto in grado di rispettare l’ambiente. Per esempio la Ford Focus oppure la Mazda Skyactiv.