Una notizia clamorosa scuote il mondo della F1: Bernie Ecclestone (foto by InfoPhoto) ha dato le dimissioni dal board della Delta Topco, la società che gestisce la Formula Uno. Secondo un flash della BBC, le dimissioni sarebbero giunte in seguito al rinvio a giudizio dello stesso Ecclestone da parte della magistratura tedesca con l’accusa di corruzione. Sempre secondo il network britannico, Ecclestone continuerà comunque a seguire l’operatività della Delta Topco.

Questa mattina si era venuti a sapere tramite Margarete Noetzel, portavoce del tribunale regionale di Monaco di Baviera, che il boss del circus avrebbe dovuto difendersi davanti a una corte tedesca dalle accuse provenienti da un ex manager della banca BayernLB. Nel 2006, Ecclestone avrebbe corrotto il banchiere Gerhard Gribkowsky con 44 milioni di dollari per agevolare la vendita dei diritti della Formula 1 al fondo di investimento britannico CVC per una cifra inferiore al valore di mercato. Nel 2012 Gribkovsky è stato condannato a 8 anni e mezzo di reclusione dalla stessa corte che giudicherà Ecclestone. Il manager britannico ha finora sempre respinto qualunque addebito, spiegando di aver pagato Gribkovsky “perché aveva minacciato di ricattarmi” in relazione a una vicenda fiscale.