Grazie ad una serie di strumenti di nuova generazione il numero degli incidenti stradali, almeno in Italia, si è ridotto in modo sensibile nel giro di qualche anno.

Ma l’Europa vuole essere ancora migliore su questo fronte e propone il servizio eCall su tutte le vetture nuove dal 2015.Neelie Kroes e Antonio Tajani che sono i vicepresidenti della Commissione europea che si occupa di trasporti nell’UE, hanno deciso di incrementare la sicurezza degli automobilisti con un servizio di chiamata di soccorso automatico.

In pratica se una macchina è coinvolta in un incidente grave, a patto che qualche rottame resti in piedi, parte una chiamata automatica di soccorso  al 112 che sintetizza tutti i numeri per le emergenze. Il dispositivo che si chiama eCall dovrà essere applicato su tutte le nuove vetture dal 2015.

I costi di questo utile surplus tecnologico si aggirano per il momento sui 100 euro. Ad azionare il servizio di soccorso automatico sarà un meccanismo simile a quello che fa scattare l’airbag, con il solo vantaggio che può essere azionato anche manualmente.

Poniamo il caso di un automobilista che sia vittima di un malore, a lui è data la possibilità di contattare immediatamente il call center preposto.

La stima dell’UE è quella di un miglioramento sensibile del soccorso stradale. La previsione è di un’accelerazione del soccorso del 40 per cento per le zone urbane e del 50 per cento per le zone rurali.