Lutto nel mondo dell’auto: è morto questa notte, nella sua casa di Torino, Sergio Pininfarina, presidente dell’omonima carrozzeria e figlio del fondatore Battista Farina, detto “pinin.” Nato l’8 settembre del 1926 prese in mano le redini dell’azienda di famiglia nel 1961 e la fece diventare un vero e proprio colosso del design, stringendo accordi con numerose Casa automobilistiche. Pochi anni prima, tra il 1955 e il 1958, aveva progettato e dato via ai lavori per il nuovo stabilimento di Grugliasco.

In quegli anni nacquero tra le più famose auto firmate Pininfarina: Alfa Romeo Spider “Duetto”, Lancia Flaminia, Lancia Flavia coupé, Ferrari Dino 246, Dino Spider e Fiat “124 Sport Spider”. L’azienda si espande sempre più fino a sbarcare in borsa nel 1986.
Intanto continuano le collaborazioni con le più importanti Case italiane e non (Peugeot, Cadillac, Bentley, Mitsubishi) e nascono altri modelli immortali come Ferrari Testarossa, Alfa Romeo Spider, Fiat Fiorino e Lancia Thema Station Wagon.

Presidente di Confindustria dal 1988 al 1992, nel 1991 si vede assegnare il “Designer Lifetime Achievement Award” con il quale viene riconosciuto come migliore designer automobilistico del mondo. Nel 2005 è nominato senatore a vita dall’allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Nel 2007 riceve un’altra importante onoreficenza entrando nell’Automotive Hall of Fame.