Ducati ha aperto i battenti di Eicma con una diretta streaming dal palco del Teatro Elfo Puccini di Milano per poi presentare i suoi nuovi modelli al padiglione fieristico milanese. Tra questi spicca la 1299 Panigale: l’ultima nata della Casa di Borgo Panigale, col suo motore Superquadro da 1285 cm³, diventerà un nuovo riferimento per le supersportive del mercato mondiale. Grazie all’incredibile coppia da 144,6 Nm a 8.750 giri/minuto, un peso di 166,5 kg a secco ed una potenza massima di 205 CV a 10.500 giri/minuto, per un rapporto peso/potenza da record rispetto a tutta la concorrenza stradale.

La 1299 Panigale ricalca il design moderno e funzionale che ha reso famosa la 1199 Panigale, che proprio grazie alla sue linee ha vinto il prestigioso premio Compasso d’Oro. Il cupolino più largo ed il plexiglas più protettivo oltre a migliorare la penetrazione aerodinamica rendono il frontale della nuova 1299 Panigale ancora più aggressivo, grazie anche alle prese d’aria anteriori di maggior sezione. Il nuovo codino, ora diviso in due parti, completa l’opera d’arte che è la carenatura con differenti prese d’aria laterali e nuovi specchietti retrovisori. Nuova e più confortevole la sella con pedane poggiapiedi ricavate dal pieno per offrire il massimo grip durante la guida.

L’ultima generazione segue i dettami ingegneristici e di design fissati dalla 1199, estremizzando il concetto di Superbike stradale. La nuova 1299 Panigale si annuncia più facile e sicura da guidare grazie all’utilizzo di soluzioni innovative di derivazione Ducati Corse. Il motore Superquadro, il bicilindrico di produzione più avanzato e più potente del pianeta, viene estremizzato ancora di più grazie all’utilizzo di pistoni da 116 mm di diametro. L’innovativo telaio monoscocca ha un angolo di inclinazione del cannotto di 24° mentre il pivot forcellone è più basso di 4 mm per garantire più agilità tra le curve, performance migliori e più facili da sfruttare. Il nuovo pacchetto elettronico, appositamente studiato per la 1299 Panigale ed integrato nei tre differenti Riding Mode, promette ancora più performance: grazie alla presenza della Inertial Measurement Unit (IMU) sono disponibili il Cornering ABS, il Ducati Wheelie Control (DWC) e, sulla versione S, l’Öhlins Smart EC, il sistema di controllo event-based delle sospensioni.

Ducati Quick Shift, cambio senza frizione

Inoltre, per la prima volta su una Ducati Superbike stradale, viene introdotto il Ducati Quick Shift (DQS) che rende superflua la frizione anche in scalata, per migliorare ulteriormente le prestazioni in pista e rendere la moto più facile nell’utilizzo di tutti i giorni. Sulla 1299 Panigale il Ducati Traction Control (DTC), il Ducati Wheelie Control (DWC) e l’Engine Brake Control (EBC) sono ottimizzati dal sistema di calibrazione automatica delle dimensioni degli pneumatici e del rapporto finale.  Per il 2015 la supersportiva per eccellenza, la Panigale R, si fa ancora più estrema diventando una vera e propria moto da corsa omologata con fari e frecce. Equipaggiata col motore Superquadro da 1198 cm³ rispettando così il limite imposto dal regolamento Superbike, vanta valvole di aspirazione, di scarico e bielle in titanio, pistoni a due segmenti ed un albero motore estremamente leggero, equilibrato grazie a pastiglie in tungsteno collocate sui contrappesi, per garantire una potenza massima di 205 CV a 11.500 giri/minuto ed una coppia di 136,2 Nm a 10.250 giri/minuto.

ABS Cornering e gomme da Superstock

Tutta la famiglia è equipaggiata con le pinze monoblocco Brembo M50 che consentono un importante risparmio di peso e hanno ciascuna quattro pistoncini da 30 mm di diametro che lavorano su dischi da 330 mm di diametro garantendo un’eccezionale efficienza frenante. Tutte la famiglia 1299 Panigale/Panigale R è poi equipaggiata col nuovo sistema di ABS Cornering, che sfrutta la leggerissima centralina 9.1MP della Bosch. Mentre la 1299 Panigale monta ruote a 3 razze, con cerchi da 3,5 pollici all’anteriore e 6,00 pollici al posteriore, la 1299 Panigale S e la Panigale R sfoggiano invece cerchi a 3 razze, forgiati e lavorati a macchina, neri. Tutta la famiglia calza in esclusiva gli pneumatici Pirelli Diablo Supercorsa SP, la versione stradale degli pneumatici utilizzati nella Superstock 1000 FIM Cup: 120/70 ZR17 all’anteriore e 200/55 x ZR17 al posteriore, i più larghi mai montati su una Ducati Superbike stradale.

LEGGI ANCHE

Eicma Milano 2014: tutte le info sulla manifestazione

Eicma 2014: le due ruote fanno un pieno di anteprime e novità

Clinica Mobile MotoGP: il dottor Costa lascia la sua amata creatura

Eicma 2013 Milano: le foto delle ragazze più belle