La DS5, omettiamo il nome Citroen volutamente perché ormai DS è un Brand a parte, ha debuttato online prima dell’apparizione pubblica, in programma per l’inizio del mese prossimo al salone di Ginevra, dove esordirà anche la vernice Ink blu.

La lussuosa 5 porte francese ha ricevuto un nuovo frontale, contraddistinto da una griglia più scolpita del solito, con il monogramma DS al centro della scena, e nuovi fari con indicatori di direzione sequenziali ripresi dalla più piccola DS3 restyling. Il profilo laterale mostra un elemento cromato nella parte bassa della vettura che fa pandant con quello presente sopra i gruppi ottici e i doppi terminali di scarico cromati integrati nel paraurti posteriore.

All’interno troviamo la nuova interfaccia touchdrive, che ha consentito di eliminare diversi pulsanti, e permette di visionare i contenuti dello smartphone. Tra le altre chicche offerte, segnaliamo i sedili anteriori con funzione di massaggio , i retrovisori riscaldabili, il sistema keyless entry & Start, l’illuminazione ambientale, l’impianto audio Denon ed il climatizzatore bi-zona.

Con il restyling sono arrivati anche nuovi contenuti relativi alla sicurezza come il sistema di monitoraggio dell’angolo cieco, il Lane Departure Warning, gli abbaglianti automatici, il controllo di trazione intelligente, l’head-up display, la telecamera di retromarcia, l’hill-start assist ed i fari adattivi .

In motori sono gli ultimi della famiglia di propulsori PSA, tra cui il 1.6 THP con 165 CV e 240 Nm, accoppiato al cambio automatico a sei velocità, il 1.6 BlueHDi da 120 CV e 300 Nm, che lavora in sinergia con una trasmissione manuale a sei marce o con l’automatico a sei rapporti, il 2.0 BlueHDi da 180 CV e 400 Nm (295 lb-ft) ed il sistema ibrido della variante a quattro ruote motrici composto da un 2.0 turbodiesel da 163 CV e da un motore elettrico 37 CV.