Se la Dakar è il rally raid più duro del mondo (QUI IL PERCORSO COMPLETO) non è certo un’esclusiva degli uomini. Perchè oltre ai numerosi piloti maschi, il numero di donne che disputano la famosa corsa a tappe sudamericana è in costante crescita. Nell’edizione 2014 sono ben 9 le rappresentanti del gentil sesso tra cui due italiane: cinque di loro gareggiano in auto, due in moto, una in camion e una in quad.

La più nota è la spagnola Laia Sanz che vanta quindici titoli iridati tra enduro e trial. Per la quarta volta corre la Dakar dopo due 19esimi posti e un 93esimo a causa di problemi meccanici. Stavolta sale in sella una Honda mentre la connazionale Rosa Romero Font, conosciuta per essere la moglie di Nani Roma (da cui ha avuto tre figli, ndr), proverà a darle battaglia su una Yamaha ma il vero obiettivo sarà concludere la gara dopo due ritiri.

Tra le quattro ruote proveranno a domare le dune la veterana francese Isabelle Patissier, alla sua 12esima Dakar (6 concluse) con un un Buggy V8 Corvette e la rookie Alicia Reina (Toyota), prima argentina tra le quattro ruote. Tra le copilote in gara la svedese Annie Seel, l’argentina Adriana Andreani (guida il compagno José Antonio Blangino) e la britannica Susan Jones che naviga il marito marito Mike.

Le italiane sono rappresentate dalla livornese Camelia Liparoti, ormai stabilitasi sulle Alpi francesi, che continua a gareggiare con i quad dopo aver concluso quattro Dakar consecutive e aver centrato un nono posto finale. Occhi puntati anche su Eleonora Dal Prà, vicentina nonché giornalista e tester per riviste del settore, che fa da copilota sul Mercedes Unimog guidato da Marino Mutti. Per lei due Dakar all’attivo, un ritiro e un 47esimo posto nel 2012. L’obiettivo è migliorarsi sempre.

LINK UTILI

DOVE VEDERE LA DAKAR IN TV

TUTTI GLI ITALIANI ALLA DAKAR

LA PRESENTAZIONE DELLA CORSA

LA BATTAGLIA DI SEAN PENN

LE POLEMICHE TRA CILE E BOLIVIA