Siamo arrivati alla fine del Campionato di Formula 1, mancano un quarto delle gare e Vettel, con la vittoria di Suzuka, nel giorno nero di Alonso, si è riportato alla carica arrivando a 4 punti dal campione iridato. A questo punto la Ferrari può soltanto essere la migliore. 

La Ferrari, in questo momento, deve soltanto dimostrare di essere più forte della Red Bull e della McLaren, le due squadre che hanno dimostrato negli ultimi gran premi di avere piloti in gran forma e di aver azzeccato tutti gli sviluppi tecnici della monoposto.

Domenicali, per tutti questi motivi, ha deciso di seguire da vicino gli aggiornamenti e lo sviluppo della F2012 che adesso ha bisogno di trovare un quid per sfrecciare sul traguardo durante le qualifiche e poi anche in gara.

Il Team Principal di Maranello sta cercando di motivare il suo staff al fine di dare a Massa e Alonso una monoposto competitiva. In fondo, s’è visto: anche il brasiliano ha ritrovato lo spunto vincente e a Suzuka è riuscito ad aggiudicarsi un secondo posto di tutto rispetto.

Poi ai giornalisti ha dichiarato:

Personalmente, non credo nella fortuna, ma, visto quello che è successo in questi ultimi giorni … Sto pensando di cambiare la mia mentalità. Gli dèi non brillano su di noi! Che cosa è successo a Fernando all’inizio è un esempio delle molte variabili che non si possono controllare in questo sport e dobbiamo accettarlo, ma è chiaro che tutti noi siamo molto delusi in questo momento.