In questo avvio di campionato è forse la prima volta che vediamo anche Alonso indispettito dal risultato della gara di Shanghai. In effetti la Ferrari avrebbe potuto essere davanti, con i migliori e si è dovuta accontentare del nono posto di Alonso. Più indietro Massa.

Ecco cosa ne pensa Domenicali.

Stefano Domenicali ha sempre reagito con molta compostezza ai risultati della Ferrari, in parte perchè davanti alle critiche ha sempre evidenziato gli sforzi dei tecnici e il coraggio degli sportivi. Dall’altra perchè sa benissimo a che punto è il laboratorio di Maranello.

Di certo nessuno, né lui, né i piloti si aspettavano di replicare la grande prova di Sepang, ma finire dopo Williams e Lotus ha sconvolto un pochino gli uomini della Ferrari.

“Avevamo la possibilità di finire nei primi cinque” dice Domenicali. Ma la macchina nelle mani di Alonso ha mancato lo sfruttamento pieno della velocità. La strategia adottata dalla Ferrari, dando per buono che sia quella giusta, non ha portato frutti.

In pratica l’insuccesso non va cercato nelle tre soste ai box e nella scelta delle gomme, ma nell’impossibilità di uscire dal treno di centro gruppo, per limiti tecnici. Adesso, secondo Domenicali, bisogna continuare a lavorare, anche di più del solito, per dimostrare di avere una macchina all’altezza della competizione.