Le caratteristiche della monoposto di Raikkonen e Grosjean sembravano adatte a sbancare la roulette del Gran Premio del Principato, invece la Lotus si è dimostrata subito fuori dai giochi. I punti portati a casa in quella che può essere considerata un’ottima vetrina del Circus, sono soltanto due. 

Le speranze della Lotus si sono sbriciola, si sono danneggiate come la monoposto di Grosjean. Ma cos’è successo alla squadra considerata favorita per il podio di Monaco?

La E20 è una vettura adatta alle caratteristiche del tracciato monegasco e il fatto che alla guida ci sia un veterano come Raikkonen, ha fatto sperare fino alla fine la scuderia di Enstone. Peccato che per il finlandese i problemi siano iniziati già venerdì.

La crisi gomme e il fatto di “non ricordare” alla perfezione i muretti di Monaco, ha reso la guida di Raikkonen meno fluida del solito. Il pilota in questione si è trovato a fare da tappo tra il gruppone che incalzava alle sue spalle e sei piloti in fuga verso le posizioni migliori.

Peggio è andata per Grosjean che partiva dalla seconda fila con una macchina performante e un carico di speranze. Dopo una partenza molto irruenta però, Grosjean ha toccato Alonso e poi ha tagliato la strada a Schumacher che si è visto stretto al muro.

Il francese, in testa coda, ha impensierito il centro del gruppo.