Il Gran Premio d’Olanda ha consacrato Stoner, Pedrosa e Dovizioso ponendo fine allo strapotere di Lorenzo, buttato giù come un birillo da Bautista, appena scattati sulla linea di partenza. 

A Stoner è tornata la parola e in parte anche il sorriso, benché l’australiano non sia più il ragazzo solare di una volta. Molti attribuiscono il suo stato d’animo alla decisione di abbandonare il motogp alla fine della stagione.

Stoner è stato molto soddisfatto del risultato ottenuto in Olanda. E’ andato forte non sapendo che Lorenzo era caduto ma con la consapevolezza di dover migliorare i risultati ottenuti nella prima parte del week-end. La svolta per lui è iniziata quando ha cambiato posizione sulla moto.

Pedrosa l’ha tenuto d’occhio a lungo e forse ha anche percepito le sue difficoltà ma non ha avuto il guizzo per superarlo e portarsi al comando. Come già successo a Silverstone, Pedrosa si è scaricato nel finale, ha accusato il peso della moto e con le poche energie rimaste non è riuscito a mettere seduto il compagno di squadra.

Dovizioso è molto contento del risultato ottenuto con la squadra satellite della Yamaha. Era da tanto che aspettava di tornare sul podio. Anche se non in prima posizione, è sicuramente soddisfatto. Ha dovuto però fare una gara al limite.