Per i test di Silverstone con gli pneumatici Pirelli in pista ci sono due Davide: Valsecchi e Rigon. Due italiani in pista nello stesso giorno non si vedevano da tempo in F1. Ai più sono nomi che diranno poco ma chi è nel giro delle competizioni li conosce bene. E noi proviamo a farveli conoscere meglio anche grazie alle giornate di prove per i giovani piloti che consentono di mettersi in luce. Iniziamo da Valsecchi. Nel secondo giorno il pilota brianzolo, terza guida della Lotus, ha ottenuto il quarto tempo assoluto, 1’33”554 con gomme medie

“Ho avuto sensazioni bellissime – ha detto alla Gazzetta. – Mi sono divertito e stancato, perché mi hanno fatto pedalare. L’unico rimpianto è non aver potuto fare un giro veloce, con poca benzina, perché credo che avrei almeno battuto Sainz. Però gli ingegneri erano gasati per come sfruttavamo le gomme e alla fine sembravano contenti”. Campione in carica nella categoria GP2 con il Team DAM, ieri è riuscito a mettersi dietro diversi piloti più blasonati di lui: dal Da Costa della Red Bull fino ai Maldonado, Hülkenberg e Di Resta, gente che nel circus è già in pianta stabile da tempo. Valsecchi è uno che non se la tira, autoironico e disponibile. Nel circo di stelle inavvicinabili appartiene a una categoria a parte.

A un giornalista inglese che gli chiedeva delle gomme ha risposto così: “Non chiedete a me. Primo perché non ero in assetto da qualifica e secondo perché non sono Raikkonen”. Episodio curioso: un siparietto con i meccanici che si sono dovuti sbracciare con il cartello «IN» per farlo tornare ai box dove è stato accolto dagli applausi: “C’era un problema con la radio, l’ingegnere mi chiamava ma io non potevo sentirlo. Ero partito con il pieno di benzina, mi avevano detto di fare un prova sulla distanza, così ero convinto di dover restare fuori per 30 giri, invece ne bastavano dieci. Ma io avrei girato fino a sera”. 

Ora sogna un volante ufficiale: “Vorrei diventare titolare in F1. Sarei arrogante a dire che me lo merito. Bisogna essere bravi e fortunati. Speriamo che i miei capi mi diano un’occasione”. Oggi lascerà il posto a Nicolas Prost ma non dimentica un pensiero per chi gli ha dato questa opportunità: “Se proprio dovevano farmi provare un giorno, qui è il massimo”. Speriamo di rivederlo presto in pista.

Paolo Sperati su @Twitter @Facebook

LINK UTILI:

Alonso snobba i test: “Meglio il simulatore”

Ecclestone incriminato per corruzione

Vettel vince in casa. Il Nurburgring è suo.

La gomma di Webber colpisce un cameraman! Il VIDEO!

Pirelli resta fornitore unico di gomme

Mercedes gate: una dolce carezza della Fia