La Dakar 2015 vive finalmente la sua giornata di riposo. Tutto va in sospensione, piloti e navigatori per un giorno fanno lavorare le lamette da barba e azionano le lavatrici. La colazione può rivendicare i suoi tradizionali tempi, e la “media oraria” delle attività subisce un crollo notevole tornando su valori più umani. Lo stress agonistico della Dakar viene meno ma non la pressione psicologica che la globalità dell’impegno ha reso una costante. Decisamente diverso il discorso per meccanici, ingegneri e tecnici: per loro, al contrario, la giornata di riposo diventa implacabile. La scheda di lavoro è già programmata prima ancora di partire e a questa si aggiungono gli interventi che la prima parte della corsa ha rivelato essere opportuni o consigliabili.

In seno al Team Peugeot-Total il programma segue abbastanza linearmente le previsioni stilate prima della partenza. L’integralità dell’organico della squadra è completamente e perfettamente nuova al contesto della Dakar, sia esso ambientale o sportivo. Un segnale certamente positivo che non risparmia alle Peugeot 2008 DKR l’ispezione integrale. Due macchine su tre da revisionare, una in meno a causa del ritiro di Carlos Sainz, e i nuovi interventi che metà della Dakar 2015 ha suggerito riequilibrano la tabella di marcia dell’unica pausa in mezzo a tredici giorni di inferno.

Al Bivacco Peugeot-Total il lavoro segue, per un giorno, lo schema abituale del Reparto Corse. Metodo, un preciso programma di attività e, eccezionalmente, una grande calma. L’atmosfera è quasi rilassata e il lavoro in condizioni di relativa tranquillità sembra rincuorare i tecnici. I piloti e i navigatori, invece, sono arrivati al bivacco tardi, ripuliti e profumati. Stephane Peterhansel e Cyril Despres sorvegliano e si interessano alle operazioni, rilasciano interviste e si trattengono con amici e ospiti personali e del team. Poi possono dedicarsi all’analisi del road book con la massima attenzione. Tutti hanno finalmente il tempo di riflettere e stilare un primo bilancio di metà corsa, e di trarre conclusioni sapendo che il primo responso è certamente quello di un eccezionale valore assoluto. Prima di riprendere il cammino di ritorno verso Buenos Aires dove si chiuderà laDakar 2015.

(Si ringrazia Peugeot Italia per il contenuto).

LEGGI ANCHE

Dakar 2015 tappa 8: giorno indimenticabile per gli assi Peugeot

Dakar 2015 tappa 7: Peterhansel supera l’apocalisse

Dakar 2015 tappa 6: Peterhansel bersagliato dalla sfortuna

Dakar 2015 tappa 5: Sainz tradito da un masso, Peterhansel rimonta

Dakar 2015 tappa 4: ascesa di Peterhansel con la 2008 DKR

Dakar 2015 tappa 3: Peugeot 2008 DKR a prova di caldo

Dakar 2015 tappa 2: Sainz “matador”

Dakar 2015 tappa 1: buona la prima per Peugeot

Dakar: i tre piloti Peugeot l’hanno vinta 17 volte!

La storia della Peugeot alla Dakar