Continua a dettare legge la Honda nella Dakar 2014 (QUI IL PERCORSO COMPLETO) riservata alle moto. Una leadrship che parla spagnolo visto il secondo successo parziale in tre giorni di Juan Barreda Bort. Nella frazione che portava i piloti da San Rafael a San Juan, il centauro della casa giapponese chiude in 3h47’03″ precedendo di quasi 5 minuti la Yamaha del francese Cyril Despres, secondo e la KTM (che stenta in questa edizione) di Marc Coma che rimedia quasi 7 minuti. Oltre una decina di minuti il ritardo dei francesi Alain Duclos (Sherco) e David Casteu (KTM) mentre il cileno Francisco Lopez Chaleco prende oltre un quarto d’ora. I primi quattro classifica occupano anche le prime quattro posizioni della classifica generale che vede Barreda rinforzare la propria leadership: ora i minuti di vantaggio su su Despres e Coma sono oltre 13.

Tra le auto è dominio ancora delle Mini che occupano i primi quattro posti della classifica di tappa: la frazione va allo spagnolo Nani Roma che chiude i 301 km in 2h58’52″ precedendo le altre vetture del Monster Energy X-Raid Team di Krzysztof Holowczyc e Orlando Terranova. Il quarto, Nasser Al-Attiyah, paga oltre dieci minuti di distacco. Tra le mini è da registrare però il crollo dell’ex leader e campione in carica Stephane Peterhansel (CLICCA QUI PER CONOSCERE LA LEGGENDA FRANCESE) che ha perso primato e oltre 28 minuti scivolando al quinto posto della classifica generale e a oltre 24 minuti dal nuovo leader, Roma. Lo spagnolo ha vantaggio di 9’06 su Terranova, tallonato da Al-Attiyah e dalla Buggy di Carlos Sainz. Mercoledì va in scena la quarta tappa, da San Juan a Chilecito.

LINK UTILI

DOVE VEDERE LA DAKAR IN TV

TUTTI GLI ITALIANI ALLA DAKAR

LA PRESENTAZIONE DELLA CORSA

LA BATTAGLIA DI SEAN PENN

LE POLEMICHE TRA CILE E BOLIVIA