Alla Dakar 2014 (CLICCA QUI PER LA PRESENTAZIONE DELLA CORSA), saranno molti gli italiani al via. La pattuglia più numerosa è ovviamente quella su due ruote mentre meno tricolori sventolano sui mezzi a quattro ruote: tra le auto occhi puntati sulla coppia Toyota Pietro Cinotto-Dominella, quest’ultimo alla 22esima presenza nel rally raid. Casa giapponese anche per l’altro Cinotto (Michele, il padre) e Zini mentre Bedin e Richiardi saranno ospiti di una Buggy mentre Verzeletti-Cabini compongono un team totalmente italiano a bordo di una Fiat Panda Cross.

Tra i camion due equipaggi italiani presenti, entrambi su Mercedes: Calubini-Calabria e Mutti-Fortuna-Eleonora Del Prà mentre Norberto Cangani è in squadra con i francesi Piana e Trote ma le chance di vittoria azzurre sono affidate a un camion, il Powerstar Iveco del team De Rooy. Nei quad due gli italiani, entrambi con un mezzo Yamaha: Juan Carlos Carignani e soprattutto la livornese Camelia Liparoti che nel 2010 è diventata la seconda donna a correre la Dakar su un quad e ora punta a conquistare un piazzamento nei 10.

Quattordici i rappresentanti azzurri tra le moto: il fiore all’occhiello del plotone è Alessandro Botturi, alla sua terza Dakar e miglior esordiente (ottavo) nel 2012. Il 38enne di Lumezzane affronterà le dune con la Husqvarna del team Speedbrain. Suo compagno di squadra, il coetaneo e modenese Paolo Ceci, fresco vincitore del Transanatolia Rally. Moto italiana, la pesarese TM, per il 36enne sanmarinese Alessandro Zanotti, cugino di Ceci e bicampione iridato Baja in carica.

Il veterano Franco Picco non gareggerà ma sarà in Sudamerica (QUI IL PERCORSO COMPLETO) per monitorare da vicino le quattro Yamaha del suo team che vedono impegnati tre esordienti: il 51enne catanese Carlo Seminara di Catania, il 43enne bolognese Francesco Catanese e il 51enne veneziano Paolo Libralesso. Seconda volta, invece, per il 48enne romano Paolo Sabbatucci, l’anno scorso ritiratosi per problemi meccanici e non per la rottura di una caviglia. Il 47enne casertano Gaetano De Filippo sarà a bordo di una TM mentre il 54enne fossanese Giulio Napoli, ritirato nel 2011, ci riproverà con una Beta.

In cerca di riscatto con la Honda anche il 45enne di Omegna Francesco Beltrami, ritiratosi in due occasioni. Moto giapponese anche per Luca Viglio, 39enne milanese che nel 2013 finì in ospedale alla quinta tappa. Correranno su due KYM i varesini (di Busto Arsizio) Diocleziano Toia, 41enne, e il 58enne Filippo Talini così come Marco e Alberto Brioschi, di Desio e i primi fratelli della storia a correre in moto nella stessa edizione. L’obiettivo per loro e per la maggior parte dei piloti, è arrivare al traguardo.

Tutti gli italiani al via della Dakar 2014*

AUTO:
396 CINOTTO PIETRO (ITA) DOMINELLA MAURIZIO (ITA) TOYOTA
412 CINOTTO MICHELE (ITA) FULVIO ZINI (ITA) TOYOTA
430 BEDIN GIANPAOLO (ITA) FABRIZIO RICHIARDI (ITA) BUGGY
454 VERZELETTI GIULIO (ITA) CABINI ANTONIO (ITA) FIAT

MOTO:
21 ALESSANDRO BOTTURI (ITA) KTM 450 RALLY REPLICA
31 PAOLO CECI (ITA) KTM 450 RR
81 BELTRAMI FRANCESCO (ITA) HONDA
88 DE FILIPPO GAETANO (ITA) TM
94 NAPOLI GIULIO (ITA) BETA
123 SABBATUCCI PAOLO (ITA) YAMAHA
138 TOIA DIOCLEZIANO (ITA) KTM
142 TALINI FILIPPO (ITA) KTM
156 SEMINARA CARLO (ITA)YAMAHA
162 BRIOSCHI ALBERTO (ITA) KTM
163 BRIOSCHI MARCO (ITA) KTM
173 VIGLIO LUCA (ITA) HONDA
177 CATANESE FRANCESCO (ITA) YAMAHA
178 LIBRALESSO PAOLO (ITA) YAMAHA

QUAD:
259 CAMÉLIA LIPAROTI (ITA)YAMAHA YSM 700R SE
278 ROBERTO TONETTI (ITA) YAMAHA RAPTOR 700

CAMION:
551 CALUBINI LORIS (ITA) CALABRIA PAOLO (ITA) MERCEDES
552 PIANA MARCO (FRA) CANGANI NORBERTO (ITA) TROTE STEPHANE (FRA) MERCEDES
558 MUTTI MARINO (ITA) FORTUNA GIUSEPPE (ITA) ELEONORA DAL PRÀ (ITA) MERCEDES

* Dati tratti dal sito ufficiale della Dakar

LINK UTILI

LA BATTAGLIA DI SEAN PENN

LE POLEMICHE TRA CILE E BOLIVIA