La Dakar 2013 (foto sito ufficiale) procede il suo percorso verso l’arrivo a Lima. Nella quinta tappa (172 km di prova speciale cronometrata) si assiste alla doppietta Mini con lo spagnolo Joan “Nani” Roma davanti al francese Stephane Peterhansel di 1’23″. Terzo posto per l’americano Robby Gordon su Hummer a 1’41″. Un risultato che consente a Peterhansel di consolidare la sua leadership in classifica generale aumentando il vantaggio sul principe del Qatar, Nasser Al-Attiyah, staccato ora di quasi 10 minuti.

La tappa odierna delle due ruote (411 km di cui 136 di speciale) ha visto tra le moto una doppietta tutta transalpina: successo di David Casteu in sella a Yamaha con il tempo di 1h39’42″ davanti a Olivier Pain. Una vittoria che vale l’allungo nella classifica generale su tutti gli inseguitori con Pain in testa con 1’15” di vantaggio sul suo connazionale. Alessandro Botturi, terzo con oltre 3′ di ritardo, è al settimo posto in graduatoria staccato di 14 minuti dal leader.

La tappa è stata caratterizzata da diversi incidenti e ritiri tra cui la frattura al bacino per il boliviano Saucedo nei quad. Dopo cinque dei 14 round, la lista dei ritirati è formata da 30 dei 196 piloti di moto, 17 dei 162 delle auto, 6 dei 41 quad e uno dei 76 camion. Fonti dell’organizzazione hanno reso noto che il pilota di quad boliviano Leonardo Marti’nez (lesione all’anca ) e il motociclista italiano Franco Panigalli  (problemi al collo), rimasti feriti lunedì in due incidenti durante la terza tappa, si stanno rimettendo in maniera soddisfacente a Lima.

LINK UTILI:

Dakar 2013 percorso: 8.400 chilometri tra deserti e imprevisti

Dakar 2013: al via 745 partecipanti di 53 nazionalità

Dakar 2013: Camelia Liparoti, la sfida di una fotografa su un quad

Dakar 2013: Miki Biasion “Parto per vincere la gara più umana del mondo”

 Dakar 2013: Marc Coma assente, la KTM punta su Castelli