Nell’auspicabile attesa del lancio di nuove versioni sulla data delle quali Dacia non si è ancora pronunciata, riparliamo di uno dei suoi maggiori successi di vendite, che in virtù del fattore economico, ha conquistato sempre più consensi tra l’utenza dei veicoli commerciali: Dacia Dokker. Per chi cerca la funzionalità ma non sa rinunciare all’estetica, Dokker non è la sua tipologia di veicolo, puntando esclusivamente sulla sostanza e sulla concretezza, ma la praticità di Dokker e l’intelligenza modulare del suo spazio interno, la fanno preferire a coloro che desiderano un mezzo di uso quotidiano multitasking.

Dacia Dokker ha l’impostazione del piccolo furgone con volumi di carico che le regalano il primato nella categoria in fatto di centimetri. Con tutti e cinque i sedili in posizione il vano bagagli misura 800-3.000 litri. Il bagagliaio evidenzia un piano di carico piatto lungo 1.57 m con una portata di 3 m3. Le dimensioni sono decisamente cittadine: misura infatti 4.36 metri in lunghezza, 1.73 metri in larghezza, 1.82 metri in altezza e 2.81 metri nel passo, ovvero 10 centimetri meno della Logan MCV. Anche l’abitacolo abbandona i vezzi dell’estetica più moderna per far risaltare l’importanza dei contenuti, così il materiale utilizzato non è di quelli appariscenti ma fa della compattezza il suo ingrediente più convincente. La plancia, dotata di uno schermo LG multifunzione, non è così scarna come potrebbe a prima vista sembrare, e ovviamente non ridonda di inutili pulsantiere.

Per quanto riguarda le motorizzazioni, l’ “anziano” ma ancora performante 1.5 dCi è affiancato dal più recente 1.6 dCi. La versione a 90cv e 200Nm a 1750 giri/minuto dichiara un consumo medio di 4,5 litri ogni 100 km e un’emissione di 118g/km, numeri che riflettono un cartattere “operaio” con tanto di rispetto ambientale grazie allo scarso rilascio di CO2. Dokker monta una trasmissione manuale a cinque rapporti che anche a bassi regimi riesce tranquillamente a reagire ai 1350 Kg complessivi di peso del veicolo.

La Dacia Dokker viene proposta negli allestimenti Ambiance e Laureate e con i motori 1.6 MPI (85 CV), 1.2 TCe (105 CV) e 1.5 dCi (75 CV e 90 CV). L’allestimento base offre di serie 4 airbag, ABS, sistema Isofix, cerchi in lega da 15 pollici con design Aracaju, paraurti bicolore, maniglie delle porte e modanature laterali di colore nero, porta scorrevole destra, pannelli interni e plancia bitono, sedile posteriore frazionato 1/3 – 2/3, sedili in tessuto e porta laterale scorrevole sul lato destro. La versione Laureate integra poi il computer di bordo, i retrovisori elettrici, la plancia bicolore, le sellerie specifiche, la seconda porta laterale scorrevole, gli alzacristalli anteriori elettrici, la chiusura centralizzata con telecomando, l’illuminazione del vano bagagli, la presa elettrica da 12V, il sedile ed il volante regolabili in altezza, i fendinebbia e le barre sul tetto. In alternativa vengono proposti pacchetti opzionali con radio mp3, climatizzatore e navigatore satellitare.

LEGGI ANCHE

Dacia Logan Mcv: tanto spazio e motori affidabili

Dacia Duster 2014: un milione di unità prodotte in tutto il mondo