Lorenzo ha senza dubbio entusiasmato i fan, ma alla terza vittoria consecutiva, “ormai”, si sa che è il migliore e non stupisce più quando con leggerezza sorpassa gli avversari e s’invola verso il traguardo. Mentre fa ancora un certo effetto osservare la gara di Stoner. 

Casey Stoner, il campione uscente, monta una gomma morbida che gli dà un sacco di problemi. L’australiano fa molta fatica a tenere la moto in pista, lo dichiara lui stesso alla fine del motogp di Silverstone. Per lui è stato a dir poco provvidenziale l’errore di Spies nei primi giri che gli ha regalato il comando della corsa.

Ma c’è almeno un altro pilota che deve essere menzionato per la performance positiva e non è Lorenzo. Parliamo invece di Crutchlow che ha letteralmente entusiasmato il pubblico di Silverstone. E’ partito con una caviglia rotta e poi ha portato a termine una gara stupenda.

E’ l’eroe di giornata, con fatica ed impegno riesce a strappare un settimo posto finale.

Meno fortunati i vari Spies e Bautista che a fronte dell’ottima posizione di partenza perdono subito metri preziosi che agevolano la rincorsa e la gara dei vari Stoner, Pedrosa e Lorenzo.

Problemi sul finale anche per Barbera che regala così il nono posto ad un deluso Valentino Rossi.