Un circuito tutt’altro che facile dove le condizioni meteo e la scelta degli pneumatici hanno saputo condizionare le sorti della gara. In pole position Vettel, seguito da Hamilton e Button, costretti ad inseguire il campione del mondo in carica.

La pioggia costringe tutti a montare pneumatici da bagnato intermedi. Vettel, com’era prevedibile scatta davanti a tutti, ma tutti i piloti sono in difficoltà sul circuito. Hamilton e Button si lanciano all’inseguimento di Vettel. Gli fanno compagnia Rosberg (Mercedes) e Alonso.

Alonso cerca di riguadagnare posizione ma nel tentativo di superare Button si fa infilare da Rosberg.

Vettel duella con Hamilton che al quinto giro passa al comando con la sua McLaren. Alonso in difficoltà, ogni volta che tenta di sorpassare perde una posizione.

Al quindicesimo giro è sempre Hamilton a guidare il treno dei più veloci seguito da Button e Vettel. Massa ha collezionato un testacoda e perso qualche posizione.

Al giro venticinque, mentre Hamilton è sempre in testa ed impegnato in qualche doppiaggio, la Renault di Heidfeld va in fiamme. Per il pilota nessun problema.

Al giro 27 Hamilton ai box e Button guadagna la prima posizione. Vettel, anche lui ai box, uscendo è costretto a schivare la macchina di servizio che sta trainando la Renault di Heidfeld.

A metà gara Alonso prova l’allungo su Webber ma la manovra sul rettilineo non gli riesce.