Il gran premio di Shanghai ha una conformazione molto particolare. Anche i meno esperti capiscono le difficoltà del gruppo in partenza: difficile non sfiorarsi. I primi a toccarsi sono Senna e Massa, un leggero tamponamento proprio alla partenza. I primissimi giri del Gran Premio di Shanghai sono stati caratterizzati da un leggero tamponamento tra Massa e Senna e dalla determinazione di Rosberg che si è portato subito al comando guadagnando terreno su Schumacher e Button.

Alonso al secondo giro è riuscito anche a superare Webber. La Ferrari appare un po’ insidiosa ma gli avversari non si lasciano impressionare. Rosberg continua a rosicchiare secondi di vantaggio agli inseguitori. Dietro di lui ci sono circa cinque piloti nell’arco di tre secondi.

Al tredicesimo giro Schumacher è costretto al ritiro: ha avuto dei problemi al cambio gomme. Una ruota non è stata fissata bene. Uno dei meccanici ha provato ad avvisarlo ma il campione tedesco si è immediatamente reso conto dell’errore ed ha preferito non continuare la gara.

Iniziano i vari pit stop e al comando si portano Perez e Massa che rispetto agli avversari non hanno ancora fatto alcuna sosta. Rosberg rientrando dai box supera Massa e mentre il brasiliano effettua il pit-stop, il tedesco segna il giro veloce.

Al ventesimo giro Rosberg guida la classifica ma è marcato stretto da Button ed Hamilton.