A Suzuka, purtroppo sono ancora protagonisti Hamilton e Massa che si toccano sul tracciato giapponese. La peggio ce l’ha il ferrarista che dovrà accontentarsi di una settima posizione nonostante la Ferrari risulti molto competitiva.Prima della chicane è Hamilton ad andare sotto Massa ad insidiarlo stringendolo più del dovuto. Massa è costretto ad allontanarsi verso l’esterno sfiorando il prato, tanto che una bandella va via.

Al ventitreesimo giro Felipe Massa deve fermarsi ai box per il cambio gomme ma i tecnici gli sostituiscono anche il musetto che durante il contatto con Hamilton è volato via. È stato richiesto l’intervento della safety car per rimuovere i detriti dalla pista.

Al giro venticinque tutti i piloti vanno al pistop tanto che i distacchi risultano azzerati. E quando si torna in pista c’è Button davanti a Vettel, seguito da Alonso, Webber e Massa.

Button continua a girare dando il ritmo alla gara. Agli altri piloti non resta che inseguirlo. Webber si ferma per cambiare le gomme, Button e massa vanno ai box. Pitstop anche per Alonso, mentre Hamilton effettua un sorpasso ai danni di Massa.

Da giro quarantaquattro Button inizia ad accumulare secondi di vantaggio. È inseguito da Alonso e da Vettel. Lo spagnolo della Ferrari cerca in tutti i modi di recuperare su Button ma l’impresa è troppo difficile. Così quando mancano dieci giri al termini la gara o almeno il podio sono già decisi.