Jarno Trulli è stato fatto fuori dal campionato di Formula 1 poco prima dell’inizio della stagione e il Circus è rimasto così a secco di piloti italiani. Il tricolore è affidato adesso alla Ferrari e alla Toro Rosso. Trulli però ha un feeling con Maranello.

Trulli non ha pensato subito a tornare a coltivare viti e ulivi in Abruzzo, ma è ancora con la testa nel Circus, anzi le sue analisi della gara sono consigli preziosi per chi scende in pista. Chissà se non sarà un nuovo futuro commentatore.

Trulli, come Ecclestone, è fiducioso nei confronti della Ferrari e chiede ai fan di Maranello di aspettare ancora qualche gara perché Alonso, con la sua rimonta, ha saputo dimostrare un gran carattere, coadiuvato da una buona macchina, ancora da perfezionare.

La Ferrari, però, secondo Trulli deve reagire subito per non trovarsi, tra qualche settimana, davanti a una sonora bocciatura. E’ presto per dire che la Rossa di Maranello ha davanti una stagione difficile ma deve essere fatto ancora un bel percorso.

Alonso, dalla 12esima alla quinta posizione, ha fatto un’ottima prova di carattere, ma bisogna prendere atto di una McLaren scatenata. Secondo Trulli alla Ferrari manca un buon collaudatore che sappia indirizzare meglio i lavori dei tecnici.

Vogliamo chiamarla autocandidatura?