Cos’è e come funziona Mercedes 4MATIC? Innanzitutto non fatevi ingannare dal nome. 4MATIC non riguarda il cambio automatico ma il sistema di trazione integrale delle vetture della casa di Stoccarda. Caratteristica che non è priorità esclusiva di fuoristrada e SUV, come molti sono portati a pensare, ma può esserlo anche di sportive, berline e vetture compatte.

Gli ingegneri Mercedes-Benz sono tra i più competenti al mondo nello sviluppo di sistemi di trazione integrale dato che la storia del 4X4 della Stella risale al 1903, tre anni dopo la morte del fondatore Gottlieb Daimler. Nel 1907 venne consegnato al console tedesco in Sudafrica la prima vettura Daimler a 4 ruote motrici (la Colonial Car, ndr) mentre Paul Daimler iniziava la sua esperienza in Austro-Daimler dove furono studiate numerose soluzioni 4×4 per usi civili e industriali, missione a cui contribuì anche Ferdinand Porsche. Dagli anni ’50 inizia la leggenda Unimog mentre la prima vettura a trazione integrale dell’era moderna Mercedes ha debuttato nel 1979 sul fuoristrada Classe G. Segue nel 1984 la prima applicazione esclusiva per uso civile con la Classe E W124 che anticipa nel 1997 Classe M, il primo SUV Mercedes. Oggi la trazione integrale è adottata con successo su 20 gamme ed oltre 80 modelli della casa tedesca.

Andando a vedere nel dettaglio come funziona Mercedes 4MATIC, bisogna prima chiarire che la casa di Stoccarda propone a seconda dei veicoli 4 diverse varianti. Tutte e quattro hanno rinunciato ai bloccaggi del differenziale di tipo tradizionale (che in altre vetture a trazione integrale influiscono notevolmente su guidabilità e maneggevolezza) e fanno affidamento al sistema di trazione elettronico 4ETS, un componente aggiuntivo dell’ESP, anch’esso perfezionato ed in grado di ottenere una capacità di trazione migliore che si unisce a un maggiore comfort. Il sistema 4ETS interviene automaticamente quando una o più ruote perdono aderenza al fondo stradale frenando automaticamente ogni singola ruota, aumentando contemporaneamente la coppia alle ruote con una trazione sufficiente. Grazie a questi impulsi frenanti inviati in pochi millesimi di secondo si ottiene lo stesso effetto di tre bloccaggi del differenziale. Ma i benefici sono dunque in termini di stabilità direzionale ma al tempo stesso migliora l’agilità e la sicurezza attiva. La trazione integrale 4MATIC si dimostra efficace in condizioni atmosferiche impegnative come pioggia, neve e ghiaccio, ma anche in fase di accelerazione (in presenza di un minimo slittamento delle ruote), in curva e su fondi stradali con bassa aderenza.

Da anteriore a 4MATIC - Riguarda le compatte di Mercedes-Benz, la nuova Classe A, Classe B, CLA – Berlina e Shooting Brake – e GLA che possono essere dotate della trazione integrale 4MATIC di nuova generazione con ripartizione completamente variabile della coppia. Tra i componenti innovativi rientrano la presa di forza verso l’asse posteriore, integrata nel cambio automatico a doppia frizione 7G-DCT, e la scatola ponte posteriore con frizione a lamelle a regolazione idraulica integrata. Se la frizione a lamelle è aperta, la vettura viaggia esclusivamente mediante la forza di trazione dell’asse anteriore. Con la frizione chiusa, interviene l’asse posteriore. Le coppie di trazione, tuttavia, possono essere ripartite tra asse posteriore ed asse anteriore in modo completamente variabile in funzione delle specifiche situazioni di marcia (torque on demand).

Nelle versioni AMG Performance 4MATIC la ripartizione completamente variabile della coppia va dalla trazione anteriore pura ad una ripartizione di 50:50. Quando le ruote anteriori perdono momentaneamente aderenza su una superficie ghiacciata, in una frazione di secondo la coppia viene interamente trasmessa alle ruote posteriori. L’ESP a 3 stadi tipico dei modelli AMG offre tre programmi di marcia personalizzati: ‘ESP ON’, ‘SPORT Handling Mode’ ed ‘ESP OFF’, che possono essere attivati premendo un pulsante.

Da posteriore a 4MATIC - Classe C, Classe E, CLS, Classe S e Classe V dispongono del sistema 4MATIC sviluppato per le vetture a trazione posteriore con un rapporto di 45:55 per la ripartizione della coppia insieme ai sistemi di regolazione della dinamica di marcia ESP, ASR e 4ETS. Per la taratura dei sistemi di regolazione gli ingegneri hanno privilegiato un comportamento sottosterzante definito che permane anche sui più diversi fondi stradali, sull’asciutto come sul bagnato, con la neve, il ghiaccio o su sterrato. Il differenziale centrale dispone di una frizione a lamelle bidisco che produce un’azione bloccante di base di circa 50 Nm tra avantreno e retrotreno. Il pacco lamellare è costantemente precaricato da una molla a tazza. Quando le ruote anteriori o posteriori slittano, il movimento relativo delle lamelle genera una coppia di attrito che viene trasmessa all’asse che sta ruotando a velocità inferiore.

Questo principio del trasferimento variabile della coppia migliora la trazione e la stabilità di marcia della vettura. Gli effetti positivi di questa frizione ‘pre-lock’ in termini di trazione e stabilizzazione risultano evidenti soprattutto con bassi coefficienti di attrito tra pneumatici e fondo stradale. Il sistema di trazione integrale AMG Performance 4MATIC, disponibile a richiesta per i modelli C 450 AMG, E 63 AMG, CLS 63 AMG, CLS 63 AMG Shooting Brake, S 63 AMG e S 63 AMG Coupé, distribuisce la coppia del motore 33:67 tra asse anteriore e posteriore.

4MATIC per i SUV - Nel sistema 4X4 della Stella specifico per la rinnovata gamma SUV – GLC, GLE, GLE Coupé e GLS – la ripartizione della coppia varia da 55 a 50. L’agilità longitudinale e la dinamica trasversale raggiungono livelli superiori alla media, grazie soprattutto all’interazione con i sistemi adattati di regolazione della dinamica di marcia ASR, con il sistema di assistenza per la dinamica in curva ESP, con il sistema di gestione elettronica della trazione integrale 4ETS e con il sistema di regolazione dei freni ADAPTIVE BRAKE.

Con il Pacchetto Tecnico Offroad, disponibile a richiesta, viene offerta anche la modalità OFFROAD+, nella quale, all’occorrenza, intervengono il rapporto fuoristrada e un bloccaggio del differenziale centrale al 100%, per consentire alle vetture di affrontare con estrema facilità anche i percorsi più difficili. Sulle versioni AMG si è adottata la trazione integrale AMG Performance 4MATIC: il ripartitore di coppia indipendente distribuisce la forza motrice per il 40% sull’avantreno e per il 60% sul retrotreno garantendo maggiore agilità intorno all’asse verticale della vettura.

Trazione integrale per fuoristrada puri - Per i puristi del fuoristrada, Mercedes ha scelto Classe G che rappresenta una vera icona del mondo off-road. Il G63 AMG 6×6 ha ora un erede di assoluto livello, il G 500 4×4 al quadrato con motore V8 da 422 CV. Classe G vanta oltre 35 anni di successi, più di 250.000 unità vendute nel mondo (oltre 9.000 in Italia) ed è l’unico veicolo off-road ad affiancare un convertitore di coppia e tre bloccaggi al 100% dei differenziali al sistema di gestione elettronica della trazione integrale 4ETS. Sotto il pianale un albero dall’uscita del cambio si collega al ripartitore di coppia da cui riparte un albero verso il differenziale anteriore e un albero verso il differenziale posteriore.

La trazione integrale permanente è concepita per garantire la massima spinta propulsiva con una ripartizione della coppia 50:50 e il sistema di gestione elettronica della trazione integrale 4ETS trasferisce la forza motrice alle ruote che presentano la trazione migliore: in questo modo è molto più facile mantenere il controllo della vettura su fondi stradali innevati e ghiacciati oltre che nei percorsi in fuoristrada più impegnativi. I tre bloccaggi al 100% dei differenziali possono essere attivati separatamente durante la marcia: basta che una sola ruota abbia aderenza per disporre della necessaria spinta di avanzamento. Il rapporto fuoristrada assicura la massima trazione su terreni particolarmente impegnativi e può essere attivato con il cambio in modalità N fino ad una velocità di 40 km/h tramite il pulsante low-range.