A Silverstone, insieme ai piloti, è scesa in pista anche la matematica per aiutare esperti e scommettitori a capire se la Ferrari di Alonso può farcela a recuperare terreno e imporsi nella classifica iridata. Il vantaggio di Vettel nella top five iridata, però, non dà molte chance ai suoi concorrenti.

Per vincere il titolo, Alonso dovrebbe essere sempre primo e Vettel mai secondo. Solo così, se la fortuna non s’intromette, le cose potrebbero girare per il verso giusto alla Ferrari. In Germania però Vettel è lento e Alonso non riesce a salire di nuovo sul gradino più alto del podio.

Prima del GP di Nuerburgring, a guidare la classifica iridata ci sono le due Red Bull: primo Vettel con 204 punti e poi Webber con 124 punti e una pole in tasca. Terzo è Alonso con 112 punti e soltanto quarto Hamilton con 109 punti.

La vittoria di Hamilton gli fa fare il salto in classifica. Adesso, per il titolo iridato è il terzo pretendente con 134 punti. Prima di lui ci sono soltanto Webber a 5 punti di scarto (139 punti) e poi l’irraggiungibile Vettel a 216 punti. Alonso è finito quarto a 130 punti.

Quindi, a parte il primato del primo pilota Red Bull, il secondo posto è una competizione aperta tra tre piloti, Webber, Hamilton e Alonso, racchiusi entro lo spazio di 9 punti.