Il tour #IoSonoElettrica di Classe B Electric Drive è arrivato a Bolzano. La concessionaria Autoindustriale ha aperto le porte al viaggio elettrico della Stella che sta attraversando grandi e piccole città d’Italia ed è arrivato anche in Alto Adige: “Vetture ibride ed elettriche rappresentano la mobilità del futuro, belle, divertenti da guidare e rispettose dell’ambiente” ha detto Alois Baumgartner, titolare della Autoindustriale concessionaria Mercedes-Benz e smart per le provincie di Trento e Bolzano.

Mercedes-Benz punta a portare nelle città italiane i valori della mobilità a zero emissioni.‎ Un lungo viaggio, iniziato il 12 ottobre a Roma: “Cinque anni fa, con smart e il progetto e-mobility Italy insieme a Enel siamo stati i primi a parlare di futuro elettrico per la mobilità anche in Italia – ha dichiarato Roland Schell, Presidente di Mercedes-Benz in Italia -. Oggi diamo inizio ad una nuova fase che vede protagonista anche Mercedes con la Classe B Electric Drive. Già allora sottolineavamo l’importanza di fare sistema ed è oggi un immenso piacere per me proseguire questo viaggio al fianco di tanti partner, istituzioni e stakeholders, pronti a costruire insieme a noi una reale cultura della mobilità elettrica”.

A farsi portavoce di questo messaggio, a fianco di Mercedes-Benz scendono in pista l’Automobile Club d’Italia, che ha presentato nell’autodromo di Arese il primo protocollo di guida sicura per auto elettriche, Enel che mette a disposizione la propria rete di punti Enel per illustrare a clienti, appassionati e curiosi, le caratteristiche delle offerte dedicate all’auto elettrica, e Michelin, impegnata nello sviluppo di pneumatici a basso rotolamento. Inoltre, le tre Classe B Electric Drive impegnate nel tour sono state tra le protagoniste del Congresso Nazionale dell’ANCI, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

La nuova Classe B Electric Drive è ecologica, bella e divertente da guidare grazie al suo propulsore con batteria agli ioni di litio che garantisce ben 180 CV e 340 Nm di coppia massima già al regime minimo, assicurando così prestazioni sportive ed un’autonomia di circa 200 chilometri a zero emissioni.